Il Patto di Milano per la lettura è stato pubblicamente sottoscritto il 23 ottobre 2015 da:
Dario Franceschini | Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo
Filippo Del Corno | Assessore alla Cultura
Pierfrancesco Majorino | Assessore alle Politiche sociali e Cultura della salute
Francesco Cappelli | Assessore all'Educazione e all'Istruzione
Romano Montroni | Centro per il libro e la lettura del Ministero per i Beni e le Attività Culturali
e dai rappresentanti dell'Ufficio scolastico regionale della Lombardia, Associazione Italiana Biblioteche, Associazione Italiana Editori, Associazione Librai Italiani, Associazione Librerie Indipendenti Milanesi, Comitato Bookcity Milano, Laboratorio Formentini per l'editoria.
La scrittrice Bianca Pitzorno è stata madrina della cerimonia.

Il Patto in 10 mosse

  1. è lo strumento che la Città di Milano ha adottato per rendere la lettura un’abitudine sociale diffusa, riconoscendo il diritto di leggere come fondamentale per tutti i cittadini
  2. si fonda su un’alleanza fra tutti i soggetti che individuano nella lettura una risorsa strategica ed è aperto alla partecipazione di chi condivide l'idea che leggere sia un valore su cui investire per la crescita della nostra città
  3. mira ad avvicinare alla lettura chi non legge e a rafforzare le pratiche di lettura nei confronti di chi ha con i libri un rapporto sporadico, per allargare la base dei lettori abituali
  4. punta a stimolare il protagonismo dei lettori come propagatori del piacere di leggere
  5.  non dimentica chi è in difficoltà: leggere nelle carceri, negli ospedali, nei centri di accoglienza, nelle case di riposo è un’azione positiva che crea coesione sociale
  6. promuove la conoscenza dei luoghi della lettura e delle professioni del libro
  7. è un moltiplicatore di occasioni di contatto con i libri nei diversi luoghi e momenti della vita quotidiana
  8. lavora utilizzando stili, tempi e modalità opportunamente progettati e opta preferibilmente per azioni continuative
  9. sperimenta nuovi approcci alla promozione della lettura e si propone di valutarne rigorosamente i risultati e gli effetti prodotti
  10. crede che la lettura sia una delle chiavi per diventare cittadini del mondo

> Linee guida

 

Leggere ad alta voce

Il Patto punta sulla lettura ad alta voce come la via più diretta per trasmettere il piacere che si può trarre dai libri e intende offrire esperienze diffuse di lettura ad alta voce in città, nelle scuole e nelle biblioteche, ma anche in altri contesti sociali e della vita quotidiana quali ad esempio: ambulatori e ospedali, centri ricreativi per giovani e per anziani, carceri.

Questo progetto è basato sulla partecipazione di lettori volontari, disponibili a impegnarsi in modo continuativo per portare la lettura nei luoghi individuati dopo la partecipazione a un momento di formazione per rendere coinvolgenti ed efficaci i loro interventi.
I primi 400 lettori volontari hanno frequentato i corsi a cura di Letteratura Rinnovabile e la Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi, sotto il coordinamento di Giorgina Cantalini. I lettori volontari del Patto hanno iniziato in aprile a offrire la loro voce in letture proposte in diverse occasioni e contesti, secondo un calendario che è in costante aggiornamento.
Per informazioni puoi rivolgerti a c.pattolettura@comune.milano.it

Calendario letture | Luoghi del Patto