Questa non è una canzone d'amore - Sellerio, 2014

Carlo Monterossi, autore pentito di un programma televisivo trash, è uno che ha la tendenza a mettersi nei guai, ma qui nei guai ci finisce per uno sfortunato scambio di persona. È così che incappa nella prima avventura di detective per caso, alla ricerca dei suoi aggressori, sulle cui tracce si muovono anche altri, in una rincorsa che racconta molto di Milano: le case con attico e quelle di ringhiera, le villette dell'hinterland, i bar di periferia, i grattacieli di vetro e acciaio, i campi rom, tra speculazione edilizia, nuove precarietà e finzione da reality. Milano, una città che per capirla devi "guardare in basso, dove i seminterrati si riempiono di traffici" oppure "in alto, dove i palazzi del primo Novecento sono cresciuti come per levitazione, con sopralzi, propaggini verticali"; dove l’infighettimento modaiolo trova una "resistenza agguerrita, indomita, invincibile" sotto il sole multietnico di alcuni quartieri. 


ALESSANDRO ROBECCHI è scrittore, giornalista, autore per la radio, la tv e il teatro; vive a Milano.
Ha all'attivo collaborazioni con l'Unità, Cuore, Il Manifesto, Radio Popolare, Uban e molti programmi tivù. Attualmente collabora con Il Fatto QuotidianoTuttoLibri Micromega ed è tra gli autori degli spettacoli di Maurizio Crozza.
Inizia a scrivere i gialli della serie di Carlo Monterossi nel 2014. Da allora ne è uscito uno all'anno, da Questa non è una canzone d'amore al recentissimo Flora (marzo 2021), tutti pubblicati da Sellerio.