Vedi tutti

Gli ultimi messaggi del Forum

Re: Cambiare l'acqua ai fiori - Valėrie Perrin

Libro che ti coinvolge, con messaggi delicati ma profondi. Violette personaggio surreale, ma al tempo stesso piacevole, che ti permette di riscoprire i veri valori.
Facendo un'assonanza, lo paragonerei all'eleganza del riccio.
Liliana

Metamorfosi della paura - Roberto Escobar

Un libro scritto 10 anni dopo la caduta del muro, quando l'Europa occidentale si è trovata senza il suo nemico storico e ha cominciato a scoprire un nuovo nemico che lentamente assediava i suoi confini. Lo straniero, l'extracomunitario, il migrante appare come un nemico che attenta all'identità, è un nemico apparentemente più debole, ma capace di un insidia più profonda. Escobar analizza nel dettaglio i meccanismi di costruzione dell'identità e svela la rete sottilissima e fragile che sta alla base delle nostre certezze. Entrerete in un gorgo, vi perderete, vacillerete e ne uscirete diversi. Da leggere!

Non superare le dosi consigliate

L'autrice racconta di sè e del fratello "figli di genitori sbagliati" uniti da un rapporto distruttivo e malato con il cibo: lui anoressico, lei bulimica e farmaco-dipendente. E' un libro che fa molto pensare
Scrive: "Penso che per tutta la mia vita ho fatto lo yo-yo, che non c'è mai stata una volta che il mio peso fosse stabile, o ingrassavo o dimagrivo, non come le persone normali che magari nell'adolescenza fluttuano ma poi si stabilizzano e mangiano o non mangiano è lo stesso: la foto sul documento non cambia più di tanto. Il baratro è lì. Sempre."

Le rughe del sorriso - Carmine Abate

"Non avevo mai visto una folla così inferocita".
Inizia così questo viaggio tra Africa e Italia, tra Somalia e Calabria, tra Spillace e Ayuub piccolo villaggio somalo. Due mondi e due culture diverse, che cercano di convivere assieme nonostante i sogni di un futuro migliore che spesso si scontrano con la realtà. Ma questa è la storia di un altro viaggio, quello intrappreso da tantissimi africani per raggiungere la ricca Europa. Un viaggio molto pericoloso, dove si patiscono la fame e la sete, dove si viene rinchiusi in posti angusti, oppure ammucchiati in furgoni fatiscenti, dove le botte sono all'ordine del giorno, come pure la violenza sulle donne. Nonostante tutto però, il popolo africano è forte, molto forte e riesce a sopportare tutto e spesso, una volta raggiunta la meta, riesce pure a dimenticare tutto il male patito. Questo libro parla anche del viaggio di Sarah alla ricerca del fratello. Loro sbarcate a Crotone, mentre lui le aspettava a Lampedusa. E' la storia di una promessa, che Sarah fa a sua nipote, e cioè quella di ritrovare il suo papà in un paese, l'Italia che non conosce. Sorride Sarah, sempre, anche quando la vita le si rivolta contro e con quel sorriso illumina il cammino di chi la incontra.
Mi è spiaciuto molto finire questa bellissima storia che mi rimarrà impressa nel cuore, come tutti i suoi personaggi.

La scuola sui binari

Di questa autrice avevo letto sia Il club delle lettere segrete, sia la posta del cuore della Senorita Leo e mi erano piaciuti entrambi, quindi non ho esitato ad acquistare questo libro anche perchè basato su una storia vera. Purtroppo però la sensazione che di vero ci sia solo la scuola sui binari, mentre tutto il resto è romanzato è stata forte e questo mi ha portato a perdere quella voglia di conoscere una storia che sicuramente non conoscevo. All'inizio ho fatto fatica a capire cosa stessi leggendo, perchè pensavo a due storie parallele, invece sono due storie che si svolgono una al passato e una al presente. Un libro sicuramente da leggere, per carità, però non ti coinvolge come ti potrebbe coinvolgere un altro libro che narra di una storia vera.