Forum » Recensioni

Senti che vento
0 1
Sottili, Eleonora

Senti che vento

Einaudi, 28/01/2020

Abstract: Fuori piove, non smette di piovere, il fiume straripa e corre dappertutto. Mentre i vicini si imbarcano direttamente dal balcone, Agata s'incanta a guardare l'acqua che allaga il pianterreno, lambisce il divano, sommerge la libreria. La casa ora è una nave incagliata dove lei, sua madre e sua nonna mangiano salame al buio, pescano i pomodori dell'orto con il retino, spostano gli oggetti, scoperchiano sorprese. Intanto i regali di nozze navigano indisturbati, e il vestito da sposa volteggia candido al centro della stanza. In questo tempo liquido e sospeso, Agata scopre di non essere l'unica a custodire un segreto. "La nonna tagliava il salame e distri-buiva le fette. A un tratto mi disse: "Sembra di essere in guerra. Tu saresti morta subito, in guerra". Aveva ragione, lo sapevo. Poi aggiunse: "Certo all'aceto potevate pensarci". Quindi, come se le cose fossero collegate: "Mi sa che domenica prossima non ti riesci mica a sposare". Fu allora che la mamma fece scattare la lama del suo coltello a serramanico, e per un momento mi sembrò che le scappasse un sorriso". Nonna Fulvia ha i capelli di ferro e ruggine, non sopporta le zucchine liguri e definisce Agata "un nientino". La mamma invece sta china sui suoi atlanti a incrociare paralleli e meridiani, cercando instancabile un posto dove sua figlia potrebbe avere una vita sorprendente. "Io con loro non c'entro niente", pensa Agata. Tanto domenica si sposa e finalmente sarà al sicuro, lontana dalle intermittenze dell'una e dalle forze contrarie dell'altra. Ma il fiume arriva a confondere i confini tra le cose, e Agata scopre di essere molto piú vicina alle donne della sua famiglia di quanto credeva. Un segreto, del resto, ce l'ha anche lei: la collezione di appartamenti vuoti dove ha fatto l'amore con un ragazzo che non è lo stesso che sta per sposare.

654 Visite, 1 Messaggi
Utente 10581
579 posts

Titolo e copertina azzeccatissimi perchè vento ed acqua sono i co-protagonisti di questa storia che per certi versi mi è piaciuta e per altri no. Le protagoniste sono tre donne: nonna, mamma e figlia che, a causa dell'esondazione del fiume, decidono di rimanere in casa, abitando nella parte alta. La convivenza forzata farà emergere i caratteri delle protagoniste: ostinata la nonna, sfuggente la mamma e confusa la figlia. La storia scorre lenta tra passsato e presente ed è questa la parte che mi è piaciuta meno. Continuavo a girare le pagine eppure mi sembrava che la storia rimanesse ferma allo stesso punto. Verso la fine va un po' meglio, nonna e nipote si scoprono più simili di quanto loro stesse credono ed il segreto che in qualche modo le lega lascia il finale sospeso o incompiuto. Ci sarà un sequel? Me lo auguro anche perchè c'è ancora un matrimonio da celebrare oppure no? Se dovessi dare un voto a questo libro sarebbe un 6 e mezzo.

  • «
  • 1
  • »

3518 Messaggi in 3154 Discussioni di 326 utenti

Attualmente online: Ci sono 57 utenti online