Forum » Recensioni

On the road
3 1

On the road

Milano : Warner Home Video Italia, ©2013

Abstract: Un viaggio nell'America del dopoguerra al ritmo della musica jazz, alla continua ricerca di un nuovo stile di vita, puro e folle. Sal Paradise e Dean Moriarty, fraterni amici, intraprendono un lunghissimo viaggio per gli Stati Uniti da est a ovest. Senza soldi, senza meta, percorrono le strade vivendo di quello che trovano, incontrando le più stravaganti e folli persone. Tra amori, orge, sbronze, amicizie e rancori questa esperienza stupisce ed emoziona, facendo riscoprire la bellezza della semplicità e della spensieratezza. Solo vita selvaggia e pura.

621 Visite, 1 Messaggi

Dopo un esordio caotico all'insegna della "descente aux enfers" di droghe e jazz, il film arriva finalmente al suo clou: il sesso. In tutte le sue varianti, frontale, a triangolo, omosessuale a pagamento, autostradale masturbatorio, addirittura c'è un accumulatore di orgoni di Reich, e solo lì riesce a convincere, a mostrare insomma come già nel 1947 e dintorni gli States vivessero un intenso fervore sociale e culturale che continuerà fino a Kenneth Anger, Andy Warhol, John Schlesinger, Stonewall, Milk, William Friedkin, Gus Van Sant e John Waters. Certo, siamo distanti anni luce dalla disinvoltura di un Bertolucci, accontentiamoci delle natiche di Garrett Hedlund. Fenomenale la fotografia di Éric Gautier, meno la musica dell'amato Santaolalla, distratto dalla serie di canzoni d'epoca.

  • «
  • 1
  • »

3575 Messaggi in 3204 Discussioni di 335 utenti

Attualmente online: Ci sono 54 utenti online