Forum » Recensioni

Fiorire d'inverno
5 1
Toffa, Nadia

Fiorire d'inverno

Milano : Mondadori, 2018

Abstract: «Ho sempre creduto che la vita fosse disporre sul tavolo, nel miglior modo possibile, le carte che ti sei trovato in mano. Invece all'improvviso ne arriva una che spariglia tutte le altre, e la vita è proprio come ti giochi quell'ultima carta. Per ciascuno di noi l'esistenza è costellata di eventi che in prima battuta sono sembrati inaffrontabili, e invece poi hanno portato a una rinascita, a un nuovo equilibrio. Penso che ci sia un ordine più saggio che governa il mondo e di cui spesso ignoriamo il senso, la prospettiva. Per questo ho una grande fiducia, mi alzo sempre col sorriso. Certo che preferisco il sole, ma quando ci sei in mezzo scopri che anche la neve ha la sua bellezza. La malattia, l'avere bisogno di aiuto, mi hanno costretto a riprendere contatto con la mia parte più tenera e indifesa, quella più umana. Era come se mi fossi dimenticata che la fragilità non è una debolezza, ma è la condizione dell'essere umano ed è proprio lei che ci protegge, perché ci fa ascoltare quello che proviamo, quello che siamo, nel corpo e nel cuore.» (Nadia)

683 Visite, 1 Messaggi
Utente 10581
581 posts

Letto tutto d'un fiato nel pomeriggio di Natale, questo libro trasmette energia pura e leggerlo ora che Nadia non c'è più fa un certo effetto.
Scritto benissimo, in modo scorrevole Nadia racconta la sua infanzia, i suoi esordi nel mondo della televisione ed il lavoro di Iena fatto di appostamenti, verifiche su questa o quella notizia, di continui consigli legali, di inchieste rischiose ma anche di tanta voglia di farcela sempre e comque. La malattia fa quasi da sfondo e viene raccontata tra un capitolo e l'altro, ma sempre senza far pesare troppo la cosa. Alla fine del libro ti viene tanta nostalgia per quella Iena tosta, ma che apprezzavi tanto e che ora non c'è più!

  • «
  • 1
  • »

3545 Messaggi in 3179 Discussioni di 328 utenti

Attualmente online: Ci sono 26 utenti online