Forum » Recensioni

Finché il caffè è caldo
3 4
Kawaguchi, Toshikazu

Finché il caffè è caldo

Milano : Garzanti, 2020

Abstract: In Giappone c'è una caffetteria speciale. È aperta da più di cento anni e, su di essa, circolano mille leggende. Si narra che dopo esserci entrati non si sia più gli stessi. Si narra che bevendo il caffè sia possibile rivivere il momento della propria vita in cui si è fatta la scelta sbagliata, si è detta l'unica parola che era meglio non pronunciare, si è lasciata andare via la persona che non bisognava perdere. Si narra che con un semplice gesto tutto possa cambiare. Ma c'è una regola da rispettare, una regola fondamentale: bisogna assolutamente finire il caffè prima che si sia raffreddato. Non tutti hanno il coraggio di entrare nella caffetteria, ma qualcuno decide di sfidare il destino e scoprire che cosa può accadere. Qualcuno si siede su una sedia con davanti una tazza fumante. Fumiko, che non è riuscita a trattenere accanto a sé il ragazzo che amava. Kòtake, che insieme ai ricordi di suo marito crede di aver perso anche sé stessa. Hirai, che non è mai stata sincera fino in fondo con la sorella. Infine Kei, che cerca di raccogliere tutta la forza che ha dentro per essere una buona madre. Ognuna di loro ha un rimpianto. Ognuna di loro sente riaffiorare un ricordo doloroso. Ma tutte scoprono che il passato non è importante, perché non si può cambiare. Quello che conta è il presente che abbiamo tra le mani. Quando si può ancora decidere ogni cosa e farla nel modo giusto. La vita, come il caffè, va gustata sorso dopo sorso, cogliendone ogni attimo.

732 Visite, 4 Messaggi

Questo romanzo è dolcissimo, è una favola deliziosa e ci vedrei bene la possibilità di trarne un film.

"Qualunque cosa farai, il presente non cambierà comunque (...) anche se torni nel passato e dici cosa provi al tuo... ehm fidanzato partito per l'America...".
"Anche se gli dico cosa provo...?".
"Il presente non cambierà comunque (...) non cambierà il fatto che sia partito per l'America".

PAOLO SCHIANCHI
160 posts

Un bel libro, una favola sulle infinite possibilità che la vita ci da prendendo delle decisioni Voto 8

Utente 29929
1 posts

ennesimo caso di 'barile raschiato'. svanita la novità del primo (carino) ormai siamo alla ripetizione pedissequa

Utente 71618
57 posts

In “Finché il caffè è caldo” l’autore riporta la sua esperienza di sceneggiatore/regista nella descrizione accurata del vestiario di tutti i personaggi e nel definire le “scene dell’azione” che, una dopo l’altra, fanno progredire un racconto originale di cui ho apprezzato l ‘ispirazione.
Forse perché è romanzo d’esordio, a mio parere manca la fluidità della narrazione, a volte ripetitiva, un po’ tediosa, inutilmente ingarbugliata.Certo, deve piacere il genere in cui convivono il fantasma che va in bagno una volta al giorno, una barista, facilmente sostituibile,con capacità paranormali ,che gestisce viaggi nel tempo con regole ad hoc…

  • «
  • 1
  • »

3518 Messaggi in 3154 Discussioni di 326 utenti

Attualmente online: Ci sono 50 utenti online