Forum » Recensioni

Follia
4 5
McGrath, Patrick <1950- >

Follia

Milano : Adelphi, [1998]

Abstract: Una grande storia di amore e morte e della perversione dell'occhio clinico che la osserva. Dall'interno di un tetro manicomio criminale vittoriano uno psichiatra comincia a esporre il caso clinico più perturbante della sua carriera: la passione tra Stella Raphael, moglie di un altro psichiatra, e Edgar Stark, artista detenuto per uxoricidio. Alla fine del libro ci si troverà a decidere se la follia che percorre il libro è solo nell'amour fou vissuto dai protagonisti o anche nell'occhio clinico che ce lo racconta.

1071 Visite, 5 Messaggi
Utente 19047
4 posts

Uno dei migliori libri che io abbia letto.

Utente 33610
24 posts

mi associo

Utente 10581
584 posts

A volte, agli occhi delle persone, ci si presenta come quelli che non siamo veramente e sostenere questo ruolo non è affatto semplice. A volte basta veramente poco per stravolgere tutti gli equilibri che ci siamo creati intorno a noi e con le persone che vivono vicino a noi. Ogni personaggio di questo racconto ha un suo ruolo ben preciso e una sua particolare personalità, che McGrath descrive molto bene. Ho tifato fino all'ultimo per Stella, la protagonista, perchè il suo personaggio, per certi versi, l'ho capito fin da subito.

Utente 60407
2 posts

È diventato uno dei miei libri preferiti

Un matrimonio in crisi, una folgorante e improbabile passione che si scontra con le amare conseguenze delle scelte degli attori protagonisti. Sembra la trama di una storia romantica comune, che tuttavia riesce a distinguersi e a scavare come un gigantesco scarabeo nella psiche del lettore. McGrath opta per una scrittura molto scorrevole con descrizioni essenziali, prive di fronzoli e utilizza un’inconsueta voce narrante: Peter, un attore terzo che sembra manovrare tutto con invisibili fili, non accorgendosi che qualcosa nel suo teatrino non funziona. Il romanzo riesce a trasmettere sensazioni mutevoli, cattura ed emoziona, ma trasporterà il lettore in un buco nero d’angoscia e sgomento senza quasi dargli il tempo di realizzarlo. Vi sono molti temi essenziali che vengono trattati, il primo a mio avviso è la severa critica verso la psicanalisi. In Follia si arriva di fatto a capire che la linea di confine tra pazienti e medici è molto sottile. Ognuno a suo modo è afflitto da ossessioni, manie e smania di controllo. Il narratore stesso, pur mantenendo decoro e contegno e motivando il tutto con falsa modestia e buonissime intenzioni, è il primo manipolatore, ossessionato dall’amore e dalla passione provata da Stella ed Edgar che in qualche maniera invidia. L’amore passionale viene qui descritto come una cosa che nasce, che non si può ignorare, che distrugge la vita delle persone. Concordo sul fatto che gli amori dei romantici, sono sempre così: adrenalinici, folli e sconsiderati. Benché storie tragiche avvengano nella realtà il sollievo in questo caso viene dato dal fatto che si tratta solo di un romanzo.

  • «
  • 1
  • »

3589 Messaggi in 3216 Discussioni di 337 utenti

Attualmente online: Ci sono 1 utenti online