Forum » Recensioni

Taxi Damasco
4 1
Ahmad, Aeham - Lukas, Andreas - Lukas, Andreas

Taxi Damasco

La nave di Teseo, 12/07/2022

Abstract: Dopo il successo di Il pianista di Yarmouk, Aeham Ahmad torna a raccontare la sua Siria attraverso le storie di chi non è potuto fuggire, o è voluto rimanere.Uno sguardo poetico sulle vite degli altri, così lontane eppure così simili alle nostre."La corsa di oggi mi dimostra con efficacia e una volta di più quanto talvolta sia varia la vita della gente di Damasco. Da un lato ci sono interi quartieri in cui non sembra che sia cambiato molto. La gente conduce una vita bella e normale. All'apparenza tutto segue il suo corso abituale.Dall'altro, in alcuni casi solo poche centinaia di metri più avanti, la guerra ha imperversato in modo terribile e lasciato deserti al posto di strade e case.In questi quartieri distrutti regna spesso la fame e un'indicibile miseria. E qua e là mi capita di incontrare tanti ragazzi di strada che stentano a sopravvivere.Li ho chiamati 'i senza nome'. Non si riesce quasi a credere che tali enormi differenze siano così vicine le une alle altre. Ma io le vedo quasi ogni giorno."

235 Visite, 1 Messaggi
Utente 10581
583 posts

Taxi Damasco è un racconto e un viaggio che si fa attraverso una città distrutta, e per quanto tu possa immaginare la situazione, dai racconti fatti, da chi, su questo taxi ci sale, capisci che la situazione non è affatto così. Dove prima c'erano case ora ci sono macerie, dove prima c'erano negozi ora non c'è più nulla. Tutto distrutto, e a pagarne il prezzo più alto è la popolazione, soprattutto i bambini. Finisci il libro e ti chiedi come si possa essere arrivati ad una situazione simile, ma soprattutto se non si sarebbe potuto evitare tutto questo!

  • «
  • 1
  • »

3576 Messaggi in 3205 Discussioni di 336 utenti

Attualmente online: Ci sono 64 utenti online