Forum » Recensioni

Ninfee nere
4 2
Bussi, Michel

Ninfee nere

Roma : E/O, 2016

Abstract: A Giverny in Normandia, il villaggio dove ha vissuto e dipinto il grande pittore impressionista Claude Monet, una serie di omicidi rompe la calma della località turistica. L'indagine dell'ispettore Sérénac ci conduce a contatto con tre donne. La prima, Fanette, ha 11 anni ed è appassionata di pittura. La seconda, Stéphanie, è la seducente maestra del villaggio, mentre la terza è una vecchia acida che spia i segreti dei suoi concittadini da una torre. Al centro della storia una passione devastante attorno alla quale girano le tele rubate o perse di Monet (tra le quali le Ninfee nere che l'artista avrebbe dipinto prima di morire). Rubate o perse come le illusioni quando passato e presente si confondono e giovinezza e morte sfidano il tempo. L'intreccio è costruito in modo magistrale e la fine è sorprendente, totalmente imprevedibile. Ogni personaggio è un vero enigma. Un'indagine con un succedersi di colpi di scena, dove sfumano i confini tra realtà e illusione e tra passato e presente. Un romanzo noir che ci porta dentro un labirinto di specchi in cui sta al lettore distinguere il vero dal falso.

1014 Visite, 2 Messaggi
Utente 19047
4 posts

Libro con una struttura originale. Immerso nella bellezza delle opere di Monet. Finale geniale.

Utente 39053
20 posts

Un bel giallo, con una trama intrecciata che sorprende.
Più volte, nel corso della lettura, mi sono scoperta a ragionare su cosa poteva essere successo, e come, e questo - per me- è un segnale che il libro mi sta coinvolgendo.
Quello che poi ho particolarmente apprezzato è anche lo scenario a supporto delle vicende: Monet, le sue opere e Giverny. Un aspetto (questo) che mi ha fatto tornare in mente un altro romanzo giallo di Hans Tuzzi arricchito di aspetti culturali insoliti per questo genere letterario.
Da leggere.

  • «
  • 1
  • »

3589 Messaggi in 3216 Discussioni di 337 utenti

Attualmente online: Ci sono 1 utenti online