Forum » Recensioni

Come si uccide una coccinella
4 1
Cimpanelli, Roberto

Come si uccide una coccinella

Venezia : Marsilio, 2022

Abstract: La sanguinosa estate in cui l'ex ispettore di polizia Herman D'Amore e i suoi due colleghi Walter Canzio e Gaetano Brugliasco hanno sfiorato la morte nel tentativo di fermare un feroce assassino è passata, ma il vero responsabile degli atroci delitti che hanno sconvolto le loro esistenze e le loro carriere è ancora a piede libero e non ha mai smesso di uccidere. Mentre si avvicinano le feste, in una Roma di strade bagnate e addobbi natalizi stretta nella morsa di un freddo cane, la caccia privata del terzetto non conosce soste. È un'impresa rabbiosa e disperata, non solo perché il Mostro che ogni notte infierisce sulle sue vittime con indicibile efferatezza è un personaggio potente, protetto ai più alti livelli, ma anche perché il contatto con il Male non ha lasciato immuni nemmeno loro. Le ossessioni a cui Herman cerca di sfuggire rifugiandosi nel sesso, la lotta contro la malattia di Walter e quella con la propria coscienza del commissario Brugliasco s'intrecciano con la missione di giustizia omicida che hanno giurato di portare a termine a ogni costo, nonostante le ripercussioni che ciò sta avendo sulla loro vita e su quella delle persone a loro più care. E sull'intera vicenda si stende il velo nero del sospetto che uno dei tre possa essere a sua volta un serial killer, lo spietato giustiziere conosciuto come il Fiocina. Natale sta arrivando, ma porta doni che grondano sangue.

260 Visite, 1 Messaggi

Secondo capitolo della Trilogia del Grande Buio, in cui il sangue torna a scorrere a fiumi a Roma e dintorni.
Il protagonista Herman D'Amore ha ormai lasciato il suo incarico in polizia e gestisce la libreria con Francesca ed un nuovo meraviglioso personaggio: Valentina.
Accanto a lui ritroviamo gli amici fidati Walter e Gaetano - le cui esistenze sconvolte dalla violenza e dal dolore sono orami indissolubilmente intrecciate a quella di Herman.
La caccia al Mostro che di notte tortura ed uccide i bambini non si fermerà finchè giustizia sarà fatta - ed il giustiziere che si è incaricato della vendetta, secondo la legge del taglione "occhio per occhio, dente per dente", infierisce e condanna chi si è macchiato di terribili omicidi: si tratta del Fiocina, cioè Herman, che vive due vite parallele: di giorno la vita ordinaria del libraio, di notte quella di uno sterminatore che cerca vendetta.
La descrizione degli omicidi che commette Herman è spesso dettagliata e cruda - ma il romanzo porta ciascuno di noi a riflettere sul come si comporterebbe se avesse la possibilità di restituite ai colpevoli il dolore inflitto agli innocenti. E' una domanda che gli stessi personaggi del romanzo si pongono, e anche se alcuni di loro lavorano in polizia si interrogano sul proprio comportamento e fanno riflettere.
Il Fiocina non avrà pace finchè non avrà ucciso Seymour Cassidy, uomo capace di atroci crudeltà che non conosce pentimento o compassione; questo romanzo ha uno stile elegante, raffinato, malinconico, emozionante e tragico al contempo.
La narrazione è diretta, pulita - ti fa amare e odiare i personaggi, fremere di rabbia e commuovere.
Mi è piaciuto tantissimo e lo consiglio a tutti coloro che amano i romanzi noir e i thriller.

"Un uomo gradevole, intelligente, elegante e sensibile, che la disperata visione di un mondo senza possibilità di redenzione ha trasformato in assassino spietato, mosso da una feroce e bruta volontà di sterminio. (...) un assassino spietato, Herman".

"Coma fa a sdoppiarsi in modo così naturale? Come può parlare tranquillamente di barche con il broker o scherzare con Francesca e poi di notte ... per quanto tempo potrà ancora continuare quel maledetto andirivieni tra il Mondo dei Vivi e quello dei Morti?".

  • «
  • 1
  • »

3545 Messaggi in 3179 Discussioni di 328 utenti

Attualmente online: Ci sono 14 utenti online