Forum » Recensioni

Ci sono mani che odorano di buono
4 1
Gambazza, Sara

Ci sono mani che odorano di buono

Longanesi, 10/01/2023

Abstract: ""Ci sono mani che odorano di buono è un romanzo generoso, perché generosa è la scrittura, uguale solo a se stessa, capace di soluzioni imprevedibili. È generosa la trama perché è un romanzo ricco anche di colpi di scena ed è generosa la visione del mondo e degli esseri umani di Sara Gambazza.""Chiara Gamberale "La solitudine, le vite ai margini, la forza di amare nonostante tutto in un potente romanzo d'esordio"""Siamo un popolo di aspiranti scrittori: le case editrici sono sommerse di manoscritti, farsi notare è quasi impossibile. Eppure, a volte i miracoli accadono. Come testimonia la storia di Sara Gambazza.""Maria Tatsos""Forse è tutto qui il realismo sorprendente con cui Gambazza si inserisce tra i nuovi narratori della provincia italiana: spostando la sentenza gattopardesca del "tutto cambi perché tutto rimanga com'è" dal palcoscenico delle rivoluzioni rumorose al silenzioso bisogno del prendersi cura dell'altro.""Katia D'Addona""È un esordio narrativo di notevole spessore quello di Sara Gambazza con il romanzo Ci sono mani che odorano di buono, un titolo che apre a una scrittura in libera uscita, che arriva direttamente dal cuore e dai sensi." "Famiglia Cristiana - Mariapia BonanateUn pomeriggio d'inverno, freddo da spezzare le ossa, Bina si ritrova sola. Ha ottantatré anni e aspetta suo nipote al parco del Cinghio, un quartiere da cui è meglio tenersi alla larga ai margini di una cittadina perbene. Marta, che di anni ne ha venticinque, e che al Cinghio è cresciuta imparando che il mondo è storto e non lo si può aggiustare, la osserva dalla finestra: la vede farsi rigida su una panchina sfondata, il naso gocciolante, un berretto rosa calato sugli occhi spauriti. Decide di offrirle un tetto per la notte. Poi per la notte dopo e per quella dopo ancora. Marta finisce così per prendersi cura di Bina, e intorno a lei, a proteggere quaranta chili di ossa e grinze, si stringono gli abitanti dell'intera palazzina. Poche strade più in là, Fabio viene preso a pugni: ha sgarrato con la persona sbagliata ed è nei guai, grossi guai. Fabio è il nipote di Bina e, mentre Marta prepara il letto per la nonna, lui bussa alla porta di Genny, un'ex prostituta in grado di raccogliere i cocci altrui senza fare domande. Bina e Fabio vivono giorni sospesi, in un luogo duro e sconosciuto, nell'attesa che qualcosa accada. Qualcosa accadrà. E il destino rimescolerà il mazzo, distribuendo ai giocatori nuove carte. Quei giorni freddi si faranno via via più caldi dentro le palazzine di appartamenti rattoppati: tra coperte rimboccate, il rumore del caffè che sale nella moka, il profumo del sugo e una carezza sulla fronte, Marta, Bina, Fabio e Genny scopriranno che dietro ogni abbandono, nascosti sotto ogni solitudine, sopravvivono sempre la forza di amare e il bisogno di prendersi cura l'uno dell'altro.

181 Visite, 1 Messaggi

Il Cinghio è un quartiere di periferia degradato in cui si vive di droga, furtarelli, botte, spazzatura.
Nei palazzoni che circondano il parco del Cinghio si ritrovano tanti disperati che convivono con tali brutture e se ne sentono parte - ma in mezzo a tanti rifiuti ed indecenze c'è anche spazio per generosità e tenerezza, tanta da commuovermi.
Marta nel freddo di Gennaio, dalla finestra del suo miniappartamento, vede su una panchina del parco una vecchina sola, che siede con pazienza, non si sa chi stia aspettando, non si va a riparare al caldo della propria casa; finchè spinta dalla commozione per tale solitudine, consapevole che una vecchia sola non può resistere così a lungo al freddo, Marta esce di casa e convince quella nonnina sconosciuta a salire da lei per riscaldarsi.
Marta scopre così che Bina, questo il nome della nonnina (vezzeggiativo di Bambina), sta aspettando che il nipote passi a prenderla: Fabio le ha dato appuntamento lì al parco ma non si è presentato e Marta intuisce che non si farà affatto vivo quando, chiamandolo al cellulare, lui prima non risponde, poi addirittura spegne il telefonino rendendosi irreperibile.
Bina resta così per giorni e giorni a casa di Marta, cucina per lei mentre la ragazza si prende cura della vecchia, imparano a conoscersi e sopportano l’una le manie dell’altra, si fanno compagnia, si accudiscono e assistono vedendo crescere un affetto delicatissimo.
Oltre alle due protagoniste nel quartiere c’è un circo di persone altrettanto sole e incasinate quanto Marta. C’è Gianna, la matta del condominio, che litiga e sbraita con se stessa perché nella sua mente c’è la Sorella che la contraddice ed insulta (“il tuo cervello diciamo che ha i pedali al contrario e gli specchietti che non guardano fuori, ma dentro”); c’è Ljuba la badante di Maria, che si prende a cuore un po' tutti nel palazzo; c’è Muna che lavora con Marta; c’è Beniamino, l’amico da una vita di Marta, che con lei è cresciuto e la ama da quando erano bambini; e qualche palazzo più in là c’è Genny, ex prostituta, che a sua volta ha tanto amore da dare e trova in Fabio (il nipote di Bina) la persona di cui prendersi cura.
Fabio se ne approfitta (“Era quasi certo di non provare dolore e si chiedeva perché. Forse non era in grado. Magari ci voleva una predisposizione, come buoni piedi per giocare a pallone, mano ferma per disegnare, intonazione per cantare. Lui non era predisposto alla sofferenza” o più in là “Fabio era una lamiera su cui la pioggia rimbalzava spruzzando tutt’intorno. Sembrava che niente potesse filtrare in profondità”), si nasconde in casa di Genny pestato a sangue da coloro con cui ha contratto un grosso debito, non si fa vivo con la nonna e nel frattempo si innamora di Genny – lui che non lavora, che vuole solo scappare all’estero e che non si interessa di Bina deve imparare ad avere fiducia e ad amare.
Questo è un romanzo di sofferenza, di dolore, di sopportazione - e di immenso amore, di delicatezza, di gentilezza: tutti i personaggi soffrono ed hanno vissuto grosse difficoltà, ma sono sempre disponibili ad aiutare e pronti ad allungare una mano a chi sta peggio di loro.
Al Cinghio c’è violenza e c’è condivisione dei problemi, c’è dolore e sensibilità verso il prossimo, c’è scambio e desiderio di aiutarsi – è un piccolo paradiso di bontà in un immenso inferno di prepotenze e soprusi.
Questo romanzo è molto bello, riconcilia con la vita nonostante tutto il male che possiamo avere provato; è delicatissimo, tutti i personaggi sono reali ed ho vissuto con loro i momenti di speranza e di sofferenza.
L’autrice ne sa descrivere il carattere con grandissimo talento e mi ha comunicato un profondo desiderio di avere una Bina tutta per me; è una coccola che consiglio a tutti di leggere per trovare pace e serenità.
I capitoli sono brevi e la narrazione è spesso condotta in discorso diretto: mi piacerebbe che si ricavasse un film da questo romanzo.

“E’ sera. C’è buio e fa freddo. L’appartamento è piccolo, ma in due ci si sta: mangiamo latte e biscotti, perché il frigo ce l’ho vuoto, ci dormiamo sopra e domani pensiamo a cosa fare”.
“Genny lo osservava.
Forse qualcuno l’ha ospitata – disse.
E perché? E’ vecchia, non ha un soldo.
Io ho ospitato te.
perché ti ho fatto pena.
Perché non si lascia la gente nei casini.
In questo quartiere di merda se bussi sprangano la porta. L’hai detto tu.
Magari non tutti”.

  • «
  • 1
  • »

3518 Messaggi in 3154 Discussioni di 326 utenti

Attualmente online: Ci sono 54 utenti online