Forum » Recensioni

Hotel 21
4 1
Rich, Senta - Cavenaghi, Silvia

Hotel 21

Garzanti, 06/06/2023

Abstract: ""Hotel 21" è una miscela stellare fatta di una trama avvincente, frasi stupende e personaggi così vividi che sembra di conoscerli di persona. Libri genuini come questo sono davvero una gioia da leggere. Senta Rich ci porta dietro le quinte di un mondo che non potremmo mai vedere e dentro il cuore di una donna indimenticabile. È un'autrice da tenere d'occhio."The BooksellerNoelle si sfila la divisa da cameriera e apre il suo baule segreto. Dentro ci sono tutte le cose che ha rubato. Noelle è una ladra, ma ruba oggetti insignificanti, di cui nessuno denuncerebbe la scomparsa. Davanti a sé ha pinzette, bottoni e fazzoletti che per lei valgono più di qualsiasi diamante. Ognuno di questi oggetti racchiude la storia della persona cui è appartenuto. Quando li prende tra le mani, Noelle sente di stringere pezzettini delle vite degli altri. Vite più felici della sua, che felice non potrà mai essere perché quella possibilità le è stata strappata quando era molto piccola, e niente potrà cambiare le cose. Quelle, invece, sono vite che hanno riso, pianto, che forse hanno amato. E ora sono sue, che le emozioni non riesce provarle. Noelle di lavoro fa le pulizie e oggi ha cominciato in un albergo nuovo. È abituata ai primi giorni. Cambia hotel continuamente. Non può rischiare di rimanere troppo a lungo nello stesso posto o qualcuno prima o poi finirà per accorgersi di quello che fa. Ancora non sa che all'hotel Magnolia la sua vita cambierà per sempre. Perché le sue nuove colleghe non hanno alcuna intenzione di lasciarla fuggire. Nemmeno dopo aver scoperto il suo segreto…Un romanzo perfetto per chi ha amato Eleanor Oliphant sta benissimo, ma soprattutto per chi si sente sempre fuori posto, per chi pensa che la felicità sia fatta per tutti tranne che per sé. Per chi, come Noelle, cerca negli oggetti degli altri un pezzo della loro vita, e in questa storia troverà invece un frammento della sua. Perché abbiamo tutti qualcosa di cui ci vergogniamo, per cui vorremmo chiedere scusa, per cui abbiamo rimpianti. Eppure, con dei veri amici accanto, il passato fa meno male e il futuro non fa più così paura. Hotel 21 ha convinto gli editori in tutto il mondo e presto sarà anche una serie tv.

228 Visite, 1 Messaggi

Noelle si occupa delle pulizie negli hotel e cambia continuamente sede di lavoro e città per non essere scoperta … perché in realtà lei è una ladra – molto particolare del resto, perché ruba solo oggetti di bassissimo valore che trova nelle stanze degli ospiti dell’hotel, oggetti per lo più insignificanti di cui raramente l’ospite denuncia il furto come pinzette, bottoni, burrocacao.
Non può rischiare di rimanere troppo a lungo nello stesso posto o qualcuno prima o poi finirà per accorgersi di quello che fa, e quindi si sposta in continuazione.
In un baule chiuso a chiave nel suo monolocale cela tutti i “preziosi” oggetti che ruba catalogandoli in un diario in cui appunta l’hotel di provenienza e la permanenza lavorativa in quella struttura.
Ha un passato tremendo fatto di botte e violenze da parte della madre alcolista, che l’ha maltrattata e picchiata fino a quando Noelle ha trovato il coraggio di scappare di casa; è cresciuta tra ferite e violenza ed ora non trova più se stessa se non nell’adrenalina che prova quando ruba: negli oggettini che recupera nelle stanze degli hotel cerca un po' se stessa, quasi potessero ripararla e salvarla.
… ma tutto cambia quando Noelle inizia a lavorare nell’Hotel 21 (cioè il ventunesimo hotel della sua personale lista di posti di lavoro): lì si costruirà senza pretese e quasi controvoglia una rete di amicizie, sostegno ed affetto disinteressato che daranno a Noelle la forza di cambiare e forse finalmente di salvarsi, mettendo la parola fine alla quantità di bugie che racconta a tutti coloro che le stanno intorno.
L’amicizia permette a Noelle di affrontare il proprio doloroso passato e guardare con speranza ad un futuro migliore.
Romanzo e protagonista sono indimenticabili, così come la simpatica combriccola di colleghe che all’Hotel 21 Noelle incontra.

“Certo – dico con la gola che all’improvviso si stringe.
Ed è vero che voglio bene a Rose.
Voglio bene a tutte loro.
Si sono intrufolate evitando il mio radar e si sono lanciate nella mia vita come ospiti invadenti, rumorose, senza invito.
E, ora che sono qui, è dura ricordare come fosse la vita senza di loro”.

“Per me la cosa più importante è non farmi beccare, nemmeno una volta. Un precedente penale è una cosa da cui è impossibile tornare indietro e nessun hotel mi assumerebbe più come addetta alle pulizie. Per questo faccio attenzione a prendere solo oggetti piccoli e insignificanti di cui gli ospiti non sentano la mancanza, o su cui al massimo mettano in discussione il fatto di averli davvero portati con sé”.

  • «
  • 1
  • »

3535 Messaggi in 3169 Discussioni di 328 utenti

Attualmente online: Ci sono 45 utenti online