Forum » Recensioni

Jane Eyre
0 1
Brontë, Charlotte

Jane Eyre

Milano : Mondadori, c1996

Abstract: La storia romantica di una modesta e poco appariscente istitutrice che, con il suo fascino discreto e la sua forza di carattere, riesce a conquistare il tenebroso e avvenente signore di Rochester, la cui giovane figlia è affidata alle sue cure.

137 Visite, 1 Messaggi
Utente 29570
16 posts

Fu una delle mie prime letture adolescenziali e, per inciso, liceali.
Leggere un "ottocentesco" in tenera età può lasciare dei segni indelebili, cosa che è capitata alla sottoscritta.
La sintassi di una volta, e in particolare dell'autrice, impone ritmi di lettura più dilatati nel tempo, anche se si finisce il libro in fretta e furia per via della sua scorrevolezza e della storia avvincente. Tuttavia, aiuta a calarsi in una dimensione completamente diversa dalla nostra odierna, in cui le donne - se non potevano sposarsi o ritirarsi in convento - al più potevano contare su buone capacità comunicative ed empatiche per accudire figli altrui o istruirli per accompagnarli all'età adulta.
Che è quello che spetta alla protagonista della storia, la quale si troverà ben presto in un mondo molto più oscuro e angosciante di quel che si sarebbe immaginata, ostile e a tratti alieno, ma non meno duro della sua infanzia di orfana cresciuta in un istituto.
Non rivelerò altro per chi non avesse ancora letto questo classico della letteratura britannica e mondiale, da cui sono stati tratti molti film: io suggerisco la visione della trasposizione del 1996 diretto da Franco Zeffirelli con Charlotte Gainsbourg nei panni di Jane Eyre e quello del 2011, diretto da Cary Fukunaga e interpretato da Mia Wasikowska.
A voi il verdetto!

  • «
  • 1
  • »

3530 Messaggi in 3166 Discussioni di 327 utenti

Attualmente online: Ci sono 41 utenti online