Forum » Recensioni

Monnezza di stato
3 1
Giordano, Antonio <Oncologo> - Chiariello, Paolo

Monnezza di stato

Argelato (Bologna) : Minerva, 2015

Abstract: Monnezza di Stato è il testo con cui il giornalista Paolo Chiariello e lo scienziato Antonio Giordano raccontano la realtà della terra dei fuochi, i disastri ambientali compiuti in una delle regioni più fertili e belle d'Italia, la Campania. I danni incalcolabili provocati dallo sversamento di rifiuti tossici prodotti da imprenditori senza scrupoli, smaltiti dalla camorra con la connivenza di politici corrotti. Un giornalista ed uno scienziato. Due competenze diverse per valutare, ciascuno dal proprio punto di vista, le cause di una catastrofe ambientale senza precedenti e per proporre le possibili soluzioni. Un libro che, nel ripercorrere alcune delle più significative vicende giudiziarie degli ultimi anni, analizza i dati scientifici relativi all'aumento di patologie tumorali e malformazioni congenite, divulgando, in modo semplice e comprensibile una realtà terribilmente complessa. Una battaglia di verità necessaria per conoscere ed invertire la rotta dell'autodistruzione.

711 Visite, 1 Messaggi
Utente 10581
579 posts

"L'emergenza rifiuti più lunga della storia repubblicana è iniziata a Napoli nel 1994. Da allora si stima che lo Stato abbia speso, invano, circa otto miliardi di euro".
"Veleni però, già finiti sottoterra, in una discarica controllata dallo Stato, dove secondo il pentito dei casalesi, Gaetano Vassallo, imprenditore che per anni è stato il braccio economico e uomo di fiducia nel settore dei rifiuti della cosca, "almeno 350 mila tonnellate di prodotti chimici tossici e nocivi provenienti dalla famigerata Acna di Cengio (e non solo) sono stati scaricati in quell'area da centinaia di camion con file di automezzi che arrivavano a misurare un chilometro e mezzo".
Finisci il libro e ne sei quasi felice, perchè tutto quello che hai letto ti ha davvero disgustato! Pur sapendo quanto sia grave la situazione in quelle zone, che ormai sono sotto gli occhi di tutti, si continua a far finta di non vedere, non sentire o peggio sottovalutare il problema. La situazione è grave, molto grave e se non si vuole che nel 2064 scoppi un disastro ambientale dalle proporzioni inestimabili, bisognerebbe fin da ora iniziare quell'opera di bonifica che da tempo la popolazione aspetta. Quando accendiamo il televisore e vediamo la popolazione di Acerra e non solo, in strada perchè non vogliono che si apra una nuova discarica, chiediamoci il perchè. Questo libro lo spiega molto bene. Terra, aria, mare e sottosuolo sono inquinati e le falde acquifere compromesse.
Molto bello il capitolo che parla del ruolo della Chiesa, che in quelle zone diventa fondamentale, in quanto spesso si sostituisce allo Stato e della descrizione dell'opera di Padre Maurizio Patriciello diventato punto di riferimento per tutti.
Si riuscirà a risolvere la situazione? Chi vivrà vedrà!

  • «
  • 1
  • »

3533 Messaggi in 3167 Discussioni di 328 utenti

Attualmente online: Ci sono 57 utenti online