Forum » Recensioni

L'esecutore
2 1
Kepler, Lars

L'esecutore

Milano : Longanesi, 2010

Abstract: Si chiama Joona Linna ed è di origini finlandesi, ma da anni ormai Stoccolma è la sua casa. Ma Joona Linna non è mai stato in quell'appartamento elegante e lussuoso, da cui proviene una musica struggente e rarefatta. Un brano di violino suonato da un esecutore impareggiabile. Joona Linna non è mai stato nel salottino dell'appartamento: è l'unica stanza totalmente spoglia, priva di arredamento, senza soprammobili, insolitamente vuota. A parte il corpo. L'uomo è come sospeso a pochi centimetri dal pavimento e sembra ondeggiare nell'aria seguendo il placido suono del violino, mescolato al ronzio indolente delle mosche. Aveva ragione il collega che l'ha chiamato sulla scena del delitto: c'è qualcosa di inspiegabile. Omicidio o suicidio? Da ispettore della squadra omicidi di Stoccolma, Joona Linna sa che le apparenze sono soltanto il velo ingannatore dietro cui si nascondono i crimini. E i crimini nascono da una cosa sola: i desideri.

609 Visite, 1 Messaggi
Utente 10581
581 posts

Di Lars Kepler li ho letti tutti, tranne questo. C'era qualcosa tra il titolo e la copertina che non mi convinceva. Trovato in una bancarella che vende libri al 50% ho deciso di acquistarlo consapevole del fatto che forse non mi sarebbe piaciuto. Le mie sensazioni si sono rivelate giuste. Mancano totalmente quell'adrenalina e quella suspence che ti tengono incollata alle pagine fino a notte fonda e quandi finisci il libro l'unica cosa che ti viene da dire è "meno male". Sì, perchè i libri di Kepler sono sempre di 500 e passa pagine e quando come in questo caso la storia non ti prende più di tanto, non vedi l'ora di arrivare alla fine. Non è un thriller ma un giallo, nulla di più e nulla di meno.

  • «
  • 1
  • »

3541 Messaggi in 3176 Discussioni di 328 utenti

Attualmente online: Ci sono 80 utenti online