Forum » Recensioni

Per non morire di mafia
4 1
Grasso, Pietro <1945- > - La Volpe, Alberto

Per non morire di mafia

[Milano] : Sperling & Kupfer, 2009

Abstract: La mafia non si arrende mai. È il promemoria quotidiano di un magistrato impegnato da trent'anni contro la criminalità organizzata e convinto che, per contrastarla, sia necessario avere la percezione esatta della sua pericolosità. Le rivelazioni dei pentiti, la celebrazione dei processi, lo smantellamento del vertice di Cosa Nostra non hanno segnato la fine delle cosche. Ai colpi inferti dagli investigatori, l'organizzazione ha ribattuto ogni volta con nuove strategie, dalla collusione con la classe politica dominante, agli omicidi eccellenti, alle stragi. Oggi la mafia sembra scomparsa e invece ha solo cambiato volto: non più una piovra, ma una rete invisibile infiltrata nei colossali affari degli appalti edilizi, della droga, della contraffazione. Un sistema moderno e sofisticato, che si è adattato alla realtà dell'economia globalizzata. Dalla Procura nazionale antimafia, l'organismo che coordina le indagini condotte su fronti interni e internazionali, Pietro Grasso ripercorre le stagioni della guerra alla Cupola siciliana in un racconto schietto, che affronta anche questioni delicate: i legami tra mafia e politica, gli scontri all'interno della magistratura, le carenze legislative e di mezzi. Spiega inoltre gli ultimi sviluppi delle attività di 'ndrangheta e camorra e traccia una mappa delle nuove mafie (cinesi, russe, albanesi, nigeriane, colombiane), individuando le strade e gli strumenti per non morire di mafia, per non sottomettersi al suo potere.

826 Visite, 1 Messaggi
Utente 10581
581 posts

"Finchè la mafia esiste bisogna parlarne, discuterne, reagire. Il silenzio è l'ossigeno grazie al quale i sistemi criminali si riorganizzano e la pericolosissima simbiosi di mafia, economia e potere si rafforza. I silenzi di oggi siamo destinati a pagarli duramente domani, con una mafia sempre più forte, con cittadini sempre meno liberi."
Procuratore nazionale antimafia dall'ottobre 2005, Pietro Grasso è stato giudice a latere nel primo maxiprocesso a Cosa Nostra nel 1985 ed è proprio dal maxiprocesso che ha inizio questa lunga intervista.
475 imputati, 438 capi di imputazione, tra cui 120 omicidi, tutti reati attribuiti a Cosa Nostra nei 10 anni precedenti. Il processo inizia il 10 febbraio 1986 e la Corte di Cassazione conferma l'impianto accusatorio di Falcone e Borsellino il 30 gennaio 1992. Un colpo durissimo per la mafia. I problemi di questo maxiprocesso sono stati innumerevoli, ma c'è sempre stata la volontà e la collaborazione di tutti per poterli superare. Si parla poi della Procura nazionale antimafia, con i suoi compiti, ma anche le carenze non solo legislative ma anche di mezzi e persone.
Interessante e sconvolgente il capitolo riguardante le altre mafie n'drangheta, camorra, e le nuove mafie. Per ognuna di queste Grasso indica in maniera molto incisiva i mezzi per poterle combattere.L'ultimo capitolo intitolato "le armi dell'antimafia" è stato quello che mi ha colpito di più. C'è ancora moltissimo lavoro da fare, soprattutto sul piano legislativo, ma sono sicura che se si fa tesoro di quanto lasciato da Falcone e Borsellino, se si presta attenzione all'operato di Pietro Grasso e alle sue precise indicazioni, si hanno tutti i mezzi necessari per poter sconfiggere questo "sistema" che nel 2009 fa ancora parlare di se.

  • «
  • 1
  • »

3541 Messaggi in 3176 Discussioni di 328 utenti

Attualmente online: Ci sono 64 utenti online