Biblioteca Venezia

Omaggio a...

Una rubrica dedicata alle ricorrenze illustri. Ogni settimana scegliamo per te alcuni anniversari dedicati a scrittori, registi, esploratori e personaggi storici, cui "rendiamo omaggio" selezionando le risorse più interessanti del nostro catalogo.

Omaggio a Alice Munro

Il 16 giugno ricorrono i 710 anni dalla nascita di Giovanni Boccaccio. Scrittore e poeta italiano del XIV Secolo conosciuto anche come "il Certaldese", fu una delle figure più importanti nel panorama letterario europeo del suo tempo. Alcuni studiosi lo definiscono come il maggior prosatore europeo dell'epoca, uno scrittore versatile che amalgamò tendenze e generi letterari diversi facendoli confluire in opere originali, grazie a un'attività creativa esercitata all'insegna dello sperimentalismo. La sua opera più celebre è il Decameron, raccolta di novelle che nei secoli successivi fu determinante per la tradizione letteraria italiana, soprattutto dopo che nel XVI secolo Pietro Bembo elevò lo stile boccacciano a modello della prosa italiana. L'influenza delle opere di Boccaccio non si limitò al panorama culturale italiano ma si estese al resto dell'Europa, esercitando influsso su autori come Geoffrey Chaucer o, più tardi, Miguel de Cervantes, Lope de Vega e il teatro classico spagnolo. Boccaccio, insieme a Dante Alighieri e Francesco Petrarca, fa parte delle cosiddette «Tre corone» della letteratura italiana. È inoltre ricordato per aver dato inizio alla critica e filologia dantesca, dedicandosi a ricopiare codici della Divina Commedia e fu anche un promotore dell'opera e della figura di Dante. 

È recentemente scomparsa la scrittrice canadese Alice Munro (all'anagrafe Alice Ann Laidlaw). La maggior parte dei suoi racconti è ambientata nella sua regione natale, il Southwestern Ontario, e indaga le relazioni umane attraverso la lente della vita quotidiana. La sua scrittura è stata definita rivoluzionaria perché ristruttura completamente l'architettura del racconto breve. È stata insignita di numerosi riconoscimenti letterari, incluso il Premio Nobel per la Letteratura nel 2013 (per il suo ruolo di "maestra del racconto breve contemporaneo") e il Man Booker International Prize nel 2009.

Vedi tutti

Arthur Conan Doyle, il capostipite del giallo deduttivo

Il 22 maggio ricorrono i 165 anni dalla nascita di Sir Arthur (Ignatius) Conan Doyle, che è stato uno scrittore, drammaturgo e medico scozzese. È considerato, insieme a Edgar Allan Poe, il fondatore dei generi letterari del giallo e del fantastico. In particolare è il capostipite del sottogenere noto come "giallo deduttivo", reso famoso dal personaggio dell'investigatore Sherlock Holmes. La sua produzione tuttavia spazia dal romanzo d'avventura alla fantascienza, dal soprannaturale ai temi storici. Dai suoi lavori sono stati tratti molti adattamenti cinematografici e televisivi.

Vedi tutti

Le ricorrenze delle scorse settimane

Vedi tutti

Omaggio a Paul Auster

I centenari

Vedi tutti

Walter Chiari e la televisione italiana

Vedi tutti

Maria Callas