Biblioteca Zara

Dio di illusioni, di Donna Tartt

 

"Alcune cose sono troppo terribili per entrare a fare parte di noi al primo impatto; altre contengono una tale carica di orrore che non entreranno mai dentro di noi. Solamente più tardi, nella solitudine, nella memoria, giunge la comprensione: quando le ceneri sono fredde, la gente in lutto è andata via; quando ci si guarda intorno e ci si ritrova in un mondo completamente diverse."

Vedi tutti

Percorsi

 

Il libro

Un piccolo raffinato college nel Vermont. Cinque ragazzi ricchi e viziati e il loro eccentrico e affascinante professore di greco antico, che insegna al di fuori delle regole accademiche imposte dall’università e solamente a una cerchia ristretta di studenti. Un’élite di giovani che vivono di eccessi e illusioni, lontani dalla realtà che li circonda e immersi nella celebrazione di un passato mitico e idealizzato, tra studi classici e riti dionisiaci, alcol, droghe e sottili giochi erotici. Fino a che, in una notte maledetta, esplode la violenza. E il loro mondo inizia a crollare inesorabilmente, pezzo dopo pezzo. Una storia folgorante di amicizia e complicità, amore e ossessione, colpa e follia, un romanzo di formazione che è stato uno dei più grandi casi editoriali degli anni Novanta.

 

L'autrice

Donna Tartt è nata a Greenwood, in Mississippi, e si è laureata al Bennington College. Dio di illusioni, il suo romanzo d’esordio, e Il piccolo amico sono diventati bestseller internazionali tradotti in 30 lingue. Il suo nuovo libro è Il cardellino.

 

Curiosità

Tra le varie citazioni contenute nel romanzo, degna di nota è quella che fa riferimento al testo della canzone Space Oddity (1969) di David Bowie: "This is Ground Control to Major Tom" ("Qui stazione di controllo, maggiore Tom"). Menzionato anche in altre canzoni di Bowie - Ashes to Ashes "(1980), Hallo Spaceboy (1995) e Blackstar (2015) - il maggiore Tom un personaggio immaginario, un astronauta, che abbandona il mondo per rifugiarsi nello spazio.