Biblioteca Zara

Q, di Luther Blissett

 

"In più c'è la stampa, appunto; questa tecnica stupefacente, che come un incendio d'estate secca e ventosa, si sviluppa giorno dopo giorno, ci dà idee in quantità per inviare lontano e più velocemente i messaggi e gli incitamenti che raggiungono i fratelli, spuntati come funghi in ogni anfratto del paese."

Vedi tutti

Percorsi

 

Il libro

Q è un romanzo storico, ambientato all’epoca della riforma protestante e controriforma cattolica, e copre un arco temporale che va dal 1522 al 1555.
La vicenda narra le imprese di un eretico anabattista che nel corso della storia assumerà diversi nomi e diverse identità per potersi nascondere dall’Inquisizione che imperversa in quel periodo. Accanto a questo narratore-protagonista troviamo Q, suo nemico, spia di un cardinale di Roma, che tenterà di volta in volta di sventare ogni piano, ogni tentativo di stravolgimento dell’ordine.

 

L'autore

Q è un romanzo storico di Luther Blissett - nome multiplo sotto il quale "agisce programmaticamente un nucleo di destabilizzatori del senso comune" - pubblicato per la prima volta in Italia nel 1999. Dietro al nome collettivo si celavano quattro scrittori residenti a Bologna: Roberto Bui, Giovanni Cattabriga, Luca Di Meo e Federico Guglielmi, in seguito conosciuti come Wu Ming.

 

Curiosità

Come tutti i libri scritti dai Luther Blissett/Wu Ming a partire dal 1996, Q reca la dicitura « Si consente la riproduzione parziale o totale dell'opera e la sua diffusione per via telematica, purché non a scopi commerciali e a condizione che questa dicitura sia riprodotta.» Questo è un precedente importante poiché si tratta della prima opera pubblicata da una major con una formula copyleft (gli autori parlarono nel 1999 di "formula anti-copyright").

 

Recensioni

Mi è piaciuto molto, anche perché sapevo ben poco delle guerre di religione. Il finale - inaspettato - mi ha colpito, non pensavo si risolvesse così.

Rebecca, 23 anni

 

Rispetto alla costruzione d'insieme, molto complessa, questo romanzo presenta a mio giudizio un appiattimento della lingua: in particolare mi hanno infastidito la scarsità di descrizioni e il linguaggio scurrile.

Emma, 19 anni