Le mostre in biblioteca si possono visitare liberamente negli orari di apertura delle sedi.

18 maggio-14 luglio | MILANO68. Contestazione e industria culturale
BIBLIOTECA SORMANI
(ingresso via Francesco Sforza 7 | lunedì-venerdì 15-19; sabato 9-12.30)
Cinquant'anni sono passati dal divampare della contestazione studentesca che, nata negli Stati Uniti, soffiò presto sull'Europa occidentale. A Milano il Sessantotto iniziò tra le mura dell'Università degli studi: il Movimento studentesco organizzò la protesta che presto coinvolse rapidamente gli altri atenei milanesi e le scuole superiori. Era giunto a maturazione il malcontento per un sistema scolastico non più adeguato alle esigenze educative di massa. Nel decennio successivo la società fu travolta da correnti di cambiamento e innovazione e travagliata dalla violenza degli "anni di piombo". La Biblioteca Centrale riscopre nelle proprie raccolte i riflessi di quel vento di cambiamento attraverso le tracce lasciate nell'industria culturale: giornali, riviste, editoria alternativa e indipendente, volantini autoprodotti, dischi in vinile, partiture e canzoni, locandine, edizioni di protagonisti della contestazione a Milano. A cura di Fausto Colombo 

9-22 giugno | Tramite il colore
BIBLIOTECA BAGGIO

Inaugurazione sabato 9 giugno ore 15.30.
La pittura di Angelo Bordoni rappresenta paesaggi interiori, sperimenta la ricerca del colore come forma liberatoria, catarsi delle passioni e delle "camurrie" quotidiane.  La sua pittura ha un legame intrinseco e diretto con la musica come mezzo di ispirazione per entrare in contatto con il proprio mondo interiore ed esprimere attraverso la forma e il colore i propri stati d' animo, in una sorta di sinestesia. Passando dal periodo figurativo dei murales e dei ritratti ai numerosi schizzi e disegni con varie tecniche e diversi tipi di materiale ha sempre vissuto la pittura come una forma di evasione, per proiettare ed esternare la parte più profonda di noi stessi.

12-23 giugno | Incomunic-abili - Un caffè insieme, di Ivan Bignami
BIBLIOTECA VALVASSORI PERONI

Le fotografie esposte sono parte del progetto "Incomunic-abili - Un caffè insieme" che indaga il tema delle difficoltà nella comunicazione che a volte si creano tra persone dello stesso nucleo familiare. Il filo conduttore di questa serie è un momento particolare della giornata, quello della condivisione di una tazza di caffè. L’incursione nella vita privata dei soggetti, ripresi in quest’occasione di apparente convivialità, svela impietosamente le problematiche insite nei loro rapporti interpersonali. Le foto, a tratti ironiche, sono volutamente posate con ricercata teatralità, ma i soggetti ritratti non sono modelli bensì persone reali che rappresentano se stesse all’interno della loro cornice domestica.

21 giugno-7 luglio | Anime dal mondo. Fotografie di Marco Urso
BIBLIOTECA PARCO SEMPIONE

Le immagini scattate tra India, Nepal, Myanmar e Kashmir dal fotografo naturalista Marco Urso riprendono volti e scene di vita, sempre cercando di cogliere l’essenza emotiva dei soggetti e di trasmettere significati universali. Con la gestione della luce e l’utilizzo della tecnica del chiaroscuro  nelle sue  immagini, l’autore ci rimanda ad atmosfere caravaggesche. Marco Urso fotografo di viaggio e naturalista delle riviste Oasis e Natura, è stato vincitore di più di 150 concorsi internazionali (National Geographic, Wildlife Photografer of the Year, Nature Best, Big Picture, GDT e Glanzlichter), autore dell’anno FIAF 2017 e fondatore dell’Accademia di fotografia.