La bruttina stagionata - Bompiani, 2017

Marilina Labruna vive in una Milano livida e soffocante. Quarantenne non brutta, peggio, bruttina, deve trovare un modo diverso di trionfare. Professoressa mancata, piccola, grassottella, gambe corte e tozze, occhiali da intellettuale, vive sola e scrive tesi di laurea per conto terzi. Senza alcuna ambizione apparente, ha scelto un lavoro che le permette di fuggire il confronto diretto con gli altri. Convinta di non poter mai anelare a conquistare un certo tipo di uomo, si troverà a respingerne ben due.
Caso letterario degli anni Novanta, il romanzo ha vinto il Premio Bancarella 1993 e da esso sono stati tratti un monologo teatrale per la regia di Franca Valeri su adattamento di Ira Rubini e un film interpretato da Carla Signoris. 

Carmen Covito è nata a Castellammare di Stabia nel 1948. Laureata in filosofia, ha lavorato come insegnante di lettere, copywriter pubblicitario, sceneggiatrice di fumetti e traduttrice, spostandosi tra il Giappone, la Spagna e l’Italia. Ha esordito nel 1992 con La bruttina stagionata, cui sono seguiti Del perché i porcospini attraversano la strada (1995) e Benvenuti in questo ambiente (1997), tutti pubblicati da Bompiani. Oggi si dedica prevalentemente a studi di cultura giapponese.

Guarda il video di Natalia Aspesi | Ascolta la lettura dell'incipitTorna a Milano da Leggere