Inaugura venerdì 15 novembre l'edizione zero di Il senso della storia, un ciclo di incontri nel segno della public history che, alternando testimonianze, romanzi, proiezioni, performance musicali a lezioni e reading, intende invitare a recuperare per l'appunto il "senso della storia", la capacità di conoscere il passato e metterlo in relazione con il presente e il futuro. 

Il tema dell'edizione 1989: una breccia nel futuro ruota intorno all’anniversario della caduta del muro di Berlino, un invito a tornare con la memoria e la riflessione a quell’evento epocale che trent’anni fa segnò il mondo intero, condizionandone lo sviluppo con un’influenza viva ancora oggi.
Gli appuntamenti inizieranno nell’ambito di Bookcity (#lacadutadelmuro) nelle biblioteche AccursioAffori, Oglio, Quarto Oggiaro, Niguarda, per proseguire venerdì 22 e 29 novembre, sabato 23 e 30 novembre. 

- Scarica il programma

VENERDì 15 novembre
ORE 18.00 - Biblioteca Affori: Berlino 1989
Uno sguardo alle anime di quella metropoli nei ricordi di Giuseppe Catozzella, che assistette a quel momento storico con gli occhi e la fascinazione di un adolescente e, come gli adulti, ne restò segnato. L'autore dialoga con Alberto Rollo, in un incontro che intreccia vissuto privato e collettivo, letteratura e storia. 

ORE 18.30 - Biblioteca Accursio: Varsavia 1989
Il giornalista Konstanty Gebert e le docenti universitarie Krystyna Jaworska e Marta Petrusewicz raccontano il difficile cammino della Polonia verso la democrazia, a partire dalla tavola rotonda del febbraio di quell'anno.

ORE18.30 - Biblioteca Oglio: Pechino 1989
Il ricercatore universitario Stefano Locati, Gabriele Battaglia, giornalista in collegamento da Pechino, e Laura Denaro ripercorrono gli episodi di quell’anno nella percezione dell’epoca e in quella che si ha ancora oggi, in Cina e Hong Kong. Reading di brani tratti dal romanzo di Ma Jian Pechino è in coma (Feltrinelli 2009), incentrato sulla rivolta degli studenti di Piazza Tienanmen del maggio-giugno 1989.

ORE18.30 - Biblioteca Quarto Oggiaro: Bologna 1989
Proiezione del film-documentario La Cosa (1990) di Nanni Moretti, che presenta le reazioni, in diverse sezioni del partito comunista italiano, alla cosiddetta “svolta della Bolognina” che portò alla fine del PCI. 

SABATO 16 novembre
ORE16.30 - Biblioteca Niguarda: Mosca 1989 
Con Francesca Gori, presidente di Memorial-Italia, e Marcello Flores riviviamo il fermento di quell’epoca, accompagnati dalla lettura di brani dell’autobiografia di Michail Gorbačëv Ogni cosa a suo tempo (Marsilio, 2013), a cura dei volontari del Patto di Milano per la lettura.

VENERDì 22 novembre
ORE 18.00 - Biblioteca Affori: Il violoncello di Rostropovič
La performance musicale di Andrea Anzalone ci riporta allo storico concerto tenuto da Mstislav Rostropovič sotto il muro di Berlino l’11 novembre 1989. Saranno eseguiti gli stessi brani di Johann Sebastian Bach.

ORE 18.30 - Biblioteca Accursio: Il Muro e dopo. Il racconto dei romanzi tedeschi
Scopriamo insieme alla germanista Anna Chiarloni come la letteratura ha interpretato e narrato il 1989, ascoltando la voce di Günter Grass, Christa Wolf, Cristoph Hein e Clemens Meyer grazie al reading dei lettori volontari del Patto di Milano per la lettura.

ORE 18.30 - Biblioteca Oglio: Il muro della storia e il muro dell’immaginazione
Tra concreto e metaforico, reale e immaginario, gli scrittori Marco Balzano e Alberto Rollo affrontano una riflessione sul “muro” e le conseguenze della sua caduta. Un confronto su quella nuova stagione di libertà inauguratasi nel 1989, che avrebbe dovuto scrivere la parola fine all’idea di innalzare barriere contro la circolazione di persone, notizie e idee – ma così non è stato.

ORE 18.30 - Biblioteca Quarto Oggiaro: Wojtyla e il comunismo
Marco Ventura, studioso dei rapporti tra diritto, politica e religione, ricostruisce il rapporto tra l’allora giovane e rivoluzionario papa Wojtyla e il regime sovietico nel suo paese d’origine, la Polonia, e l’influenza che il comunismo ha avuto nell'ascesa di Giovanni Paolo II e specularmente quella che egli ebbe nel declino del comunismo.

SABATO 23 novembre
ORE 16.30 - Biblioteca Niguarda: 1989, Annus mirabilis
Marcello Flores mostra come furono raccontati al grande pubblico gli eventi del 1989, esempio paradigmatico di un fatto di cronaca diventato istantaneamente soglia epocale, e di un intreccio indissolubile fra realtà fattuale, ideologia e politica.

VENERDì 29 novembre 
ORE 18.30 - Biblioteca Oglio: Good Bye, Lenin 
Spazio al cinema, con la proiezione del film di Wolfgang Becker (2003), premiato al Festival di Berlino, che come nessun’altra pellicola ha saputo mettere in scena i sogni, le illusioni e disillusioni di quel momento storico.

ORE 18.30 - Biblioteca Quarto Oggiaro: La fine dell’Urss
Nadia Cicognini, russista e traduttrice, racconta la vita quotidiana negli anni compresi tra la fine dell’Unione Sovietica e la tragedia di Cernobyl’, rivissuti attraverso due grandi romanzi della scrittrice Svetlana Aleksievic, Premio Nobel per la letteratura 2015, Tempo di seconda mano (Bompiani 2014) e Preghiera per Cernobyl’ (E/O 2002), interpretati dai lettori volontari del Patto di Milano per la lettura.

SABATO 30 novembre 
ORE 16.30 - Biblioteca Affori: Ungheria. Imre Kertész, la forza della memoria
Storia, letteratura, memoria, biografie nelle pagine del Premio Nobel ungherese per la Letteratura, con la docente universitaria Cinzia Franchi.
Letture da Imre Kertész, Péter Esterházy, György Konrád, Péter Forgács a cura dei volontari del Patto di Milano per la lettura.

 

Il senso della storia è promosso da Associazione Giri di parole,
in collaborazione con Fondazione ISEC e Memorial-Italia.
Direzione scientifica di Marcello Flores.