Omicidio a Chernobyl
4 1
Risorsa locale

Audic, Morgan

Omicidio a Chernobyl

Abstract: Un thriller dal ritmo irresistibile, una narrazione incalzante che si muove su diversi piani temporali e ci immerge nell'atmosfera irreale e minacciosa di Chernobyl, e al tempo stesso ci regala un intreccio magistrale e personaggi pieni di vissuto e spessore. Ci sono posti peggiori di altri dove morire. E posti peggiori di altri dove essere spediti al primo incarico in polizia: l'agente Galina Novak ha solo una ventina d'anni, eppure deve aver fatto qualcosa di molto brutto per essere finita a lavorare lì, in piena zona contaminata, a un passo dai reattori che quarant'anni fa fecero tremare il mondo. Almeno così s'immagina l'ispettore Melnyk, che in quei luoghi ci vive e lavora da anni.La scena del crimine che tra non molto si troveranno di fronte non è di quelle usuali: un uomo, orribilmente mutilato, è stato trovato appeso a un edificio. Il vento fa oscillare il suo corpo senza vita, deve aver subito torture indicibili... L'indagine è appena cominciata, quando per l'ispettore Melnyk si profila un ostacolo inaspettato: Aleksandr Rybalko, ex poliziotto russo, cui resta poco da vivere, ma a cui il padre della vittima ha affidato l'incarico di scoprire chi ha ucciso suo figlio. I due poliziotti si ritroveranno così fianco a fianco in un'indagine piena di insidie. Non solo: ben presto, si scoprirà che anche la madre della vittima era stata uccisa in circostanze misteriose, insieme a un'altra donna, in una data impossibile da dimenticare: il 26 aprile 1986..."Una trama complessa e dal ritmo incalzante sostiene un romanzo di notevole intensità, che gareggia con i migliori thriller internazionali." LE FIGARO MAGAZINE


Titolo e contributi: Omicidio a Chernobyl

Pubblicazione: EDIZIONI PIEMME, 26/04/2023

EAN: 9788856688955

Data:26-04-2023

Nota:
  • Lingua: italiano
  • Formato: EPUB con DRM Adobe

Nomi:

Dati generali (100)
  • Tipo di data: data di dettaglio
  • Data di pubblicazione: 26-04-2023

Un thriller dal ritmo irresistibile, una narrazione incalzante che si muove su diversi piani temporali e ci immerge nell'atmosfera irreale e minacciosa di Chernobyl, e al tempo stesso ci regala un intreccio magistrale e personaggi pieni di vissuto e spessore. Ci sono posti peggiori di altri dove morire. E posti peggiori di altri dove essere spediti al primo incarico in polizia: l'agente Galina Novak ha solo una ventina d'anni, eppure deve aver fatto qualcosa di molto brutto per essere finita a lavorare lì, in piena zona contaminata, a un passo dai reattori che quarant'anni fa fecero tremare il mondo. Almeno così s'immagina l'ispettore Melnyk, che in quei luoghi ci vive e lavora da anni.La scena del crimine che tra non molto si troveranno di fronte non è di quelle usuali: un uomo, orribilmente mutilato, è stato trovato appeso a un edificio. Il vento fa oscillare il suo corpo senza vita, deve aver subito torture indicibili... L'indagine è appena cominciata, quando per l'ispettore Melnyk si profila un ostacolo inaspettato: Aleksandr Rybalko, ex poliziotto russo, cui resta poco da vivere, ma a cui il padre della vittima ha affidato l'incarico di scoprire chi ha ucciso suo figlio. I due poliziotti si ritroveranno così fianco a fianco in un'indagine piena di insidie. Non solo: ben presto, si scoprirà che anche la madre della vittima era stata uccisa in circostanze misteriose, insieme a un'altra donna, in una data impossibile da dimenticare: il 26 aprile 1986..."Una trama complessa e dal ritmo incalzante sostiene un romanzo di notevole intensità, che gareggia con i migliori thriller internazionali." LE FIGARO MAGAZINE

Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Per la mia generazione Chernobyl è il nome di una città che fa rabbrividire ed impossibile da dimenticare, ed anche questo avvincente thriller resterà una lettura davvero indelebile nella memoria.
Si compone di storia, sentimenti dolorosi ed una crime story avvincente.
Nel clima cupo di un città da più di 30 anni abbandonata viene scoperto un primo macabro omicidio: come hanno potuto vittima e carnefice addentrarsi nella zona proibita ed inavvicinabile, che è chiusa e presidiata a causa del persistente rischio di radiazioni, ancora altissimo?
L’indagine svela l’esistenza del cosiddetto “turismo macabro” che oggi porta persone imprudenti e curiose a visitare le zone off-limits tuttora radioattive, per vivere momenti di inebriante adrenalina.
La catastrofe di Chernobyl è protagonista in tutte le pagine del romanzo, mentre l’indagine viene portata avanti parallelamente su due fronti dall’ispettore Melnick da un lato, e dall’ex poliziotto russo Alexandr Rybalko dall’altro.
Agghiacciante scoprire la vita ed i rituali di decontaminazione di chi per lavoro ancora si addentra nella zona contaminata, e le conseguenze pericolose a cui costoro sono esposti (malattie atroci e menomazioni terribili).
Inoltre nelle pagine del romanzo traspare la costante tensione tra Russia ed Ucraina, e tutto il libro mi permette di riflettere sulla situazione politica attuale.
Bellissimo thriller che mescola le vicende storiche ad una approfondita analisi dei personaggi che sono in modi diversi spinti ad affrontare il pericolo della zona: per soldi, per interesse, per finalmente avere una promozione professionale e poter così fuggire lontano da quell’inferno.

“Una vita normale … Certi giorni Melnick si chiedeva se l’Ucraina fosse davvero fatta per la normalità. Le guerre rivoluzionarie dell’inizio del Ventesimo secolo, la grande carestia provocata da Stalin, i massacri perpetrati dai nazisti, l’esplosione di Chernobyl, la guerra civile nel Donbass, la crisi economica, la disoccupazione … cosa voleva dire una vita normale per un ucraino?”.

“Venire nella zona significa assistere all’anteprima dell’apocalisse. Vedere come sarà un giorno il mondo senza di noi”.

Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.