I Malarazza
5 1
Risorsa locale

Barbàra, Ugo

I Malarazza

Abstract: Castellammare del Golfo, 1860. Mentre Garibaldi si prepara a sbarcare in Sicilia, Antonio Montalto ha un'intuizione: cedere parte delle terre che hanno fatto la fortuna della sua famiglia - che da sempre produce olio e vino - in cambio di un piccolo veliero. Al paese intero pare un folle ma a lui non interessa; ha capito prima di tutti dove sta soffiando il vento del cambiamento e non può restare a guardare. Sa che se vuole realizzare le proprie ambizioni deve staccarsi dalla terra dei padri per guardare oltreoceano. Inizia così l'avventura dei Montalto che, tra l'arsura di Castellammare e il fragore di New York, incroceranno la grande Storia e daranno vita a un impero fondato sulle imprese visionarie di Antonio, ma soprattutto sulla caparbietà della moglie Rosaria, capace di gettare le basi per un progetto che travalica il loro tempo: la creazione di una banca americana con una presidente donna. Intorno a loro e ai sei figli, una schiera di figure memorabili, tra cui la giovane Bianca che, lasciata la sua esistenza siciliana per seguire la padrona Rosaria, si rifà una vita come speziale nella città americana. E Nicola, suo segreto amore, che scopre come i fantasmi possano inseguirlo anche di là dal mare. Con voce magistrale, Ugo Barbàra dà vita a una narrazione portentosa, cesellando in un ritmo incalzante una vicenda che ha in sé gli ingredienti di ogni grande romanzo: personaggi umanissimi, amori e destini da sovvertire. I Malarazza segue così la scalata di un'eccezionale famiglia alle prese con gli stravolgimenti della Storia e con la maledizione che si abbatte su chi non si accontenta di un presente in sordina.


Titolo e contributi: I Malarazza

Pubblicazione: RIZZOLI, 19/09/2023

EAN: 9788817182256

Data:19-09-2023

Nota:
  • Lingua: italiano
  • Formato: EPUB con DRM Adobe

Nomi:

Dati generali (100)
  • Tipo di data: data di dettaglio
  • Data di pubblicazione: 19-09-2023

Castellammare del Golfo, 1860. Mentre Garibaldi si prepara a sbarcare in Sicilia, Antonio Montalto ha un'intuizione: cedere parte delle terre che hanno fatto la fortuna della sua famiglia - che da sempre produce olio e vino - in cambio di un piccolo veliero. Al paese intero pare un folle ma a lui non interessa; ha capito prima di tutti dove sta soffiando il vento del cambiamento e non può restare a guardare. Sa che se vuole realizzare le proprie ambizioni deve staccarsi dalla terra dei padri per guardare oltreoceano. Inizia così l'avventura dei Montalto che, tra l'arsura di Castellammare e il fragore di New York, incroceranno la grande Storia e daranno vita a un impero fondato sulle imprese visionarie di Antonio, ma soprattutto sulla caparbietà della moglie Rosaria, capace di gettare le basi per un progetto che travalica il loro tempo: la creazione di una banca americana con una presidente donna. Intorno a loro e ai sei figli, una schiera di figure memorabili, tra cui la giovane Bianca che, lasciata la sua esistenza siciliana per seguire la padrona Rosaria, si rifà una vita come speziale nella città americana. E Nicola, suo segreto amore, che scopre come i fantasmi possano inseguirlo anche di là dal mare. Con voce magistrale, Ugo Barbàra dà vita a una narrazione portentosa, cesellando in un ritmo incalzante una vicenda che ha in sé gli ingredienti di ogni grande romanzo: personaggi umanissimi, amori e destini da sovvertire. I Malarazza segue così la scalata di un'eccezionale famiglia alle prese con gli stravolgimenti della Storia e con la maledizione che si abbatte su chi non si accontenta di un presente in sordina.

Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Una bellissima saga familiare che attraversa un pezzo di storia.
Nel prologo siamo a Long Island nel 1990, ma non si capisce chi racconti la storia. Si fa poi un lunghissimo salto temporale e ci si ritrova a Castellamare del Golfo nel 1890 e qui inizia la prima p parte. Le famiglie protagoniste sono quattro: i Montalto, i Rizzo, gli Scudera e gli Scippatesti. Ognuna di queste famiglie ha una storia da raccontare e questi racconti si intrecciano con l’arrivo di Garibaldi. Saranno però i Montalto ad emigrare in America.
Nella seconda parte siamo a New York tra il 1860 e il 1865. I Montalto cercano di adattarsi in questo nuovo mondo, fatto di usi e costumi decisamente diversi rispetto a quelli della Sicilia, soprattutto è la lingua sconosciuta che devono imparare se vogliono farsi strada. E ne faranno di strada, e lungo questa strada incontreranno tanti altri personaggi e verranno raccontate altre storie. Ne emerge un quadro desolante, dove gli italiani non vengono ben visti e sono costretti a vivere ai margini, in case fatiscenti, costretti a fare i lavori più pesanti per poter sbarcare il lunario. Il tutto mentre Lincoln sta approvando la legge contro la schiavitù, con tutto quello che ne comporterà, tra chi sarà a favore e chi invece sarà contrario.
Nella terza parte siamo sempre a New York, ma nel 1880. Sono i figli dei Montalto a continuare la storia, fino all’epilogo finale dove ci ritroviamo a Long Island nel 1990. E qui c’è il colpo di scena finale, scritto nell’ultima riga, quello che ti fa sobbalzare dalla sedia ed inizi a capire forse chi racconta la storia sia la stessa persona che inzia il prologo.
In tutto questo non mancano di certo gli amori e quello tra Nicola e Bianca è quello che mi è piaciuto di più.
Finisci il libro e sai già che questa famiglia ti mancherà.

Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.