Serotonina
3 2
Materiale linguistico moderno

Houellebecq, Michel

Serotonina

Titolo e contributi: Serotonina / Michel Houellebecq ; traduzione di Vincenzo Vega

Pubblicazione: Milano : La Nave di Teseo, 2019

Descrizione fisica: 332 p. ; 22 cm

ISBN: 9788893447393

EAN: 9788893447393

Data:2019

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Serie: Oceani ; 48

Nomi: (Autore) (Traduttore)

Classi: Narrativa (0) 843.914 NARRATIVA FRANCESE. 1945- (21)

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2019
Testi (105)
  • Genere: fiction

Sono presenti 23 copie, di cui 3 in prestito.

Biblioteca Collocazione Barcode Stato Prestabilità Rientra
Biblioteca Sormani GEN L 78054 T2313188 In deposito Prestabile
Biblioteca Sicilia SIC 843 N HOUE T2283089 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Tibaldi TIB 843 N HOUE T2283090 In prestito 15/07/2024
Biblioteca Venezia VEN 843 N HOUE T2283092 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Villapizzone VIL 843 N HOUE T2283094 In prestito 08/07/2024
Biblioteca Lorenteggio LOR 843 N HOUE T2283083 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Baggio BAG 843 N HOUE T2283074 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Fra Cristoforo FRA 843 N HOUE T2283080 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Chiesa Rossa CHI 843 N HOUE T2283077 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Oglio OGL 843 N HOUE T2283085 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Affori AFF 843 N HOUE T2283073 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Accursio ACC 843 N HOUE T2283072 In prestito 13/07/2024
Bibliobus BUS 843 N HOUE Deposito T2283071 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Calvairate CAL 843 N HOUE T2283075 In prestito
Biblioteca Cassina Anna CAS 843 N HOUE T2283076 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Crescenzago CRE 843 N HOUE T2283078 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Dergano Bovisa DER 843 N HOUE T2283079 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Gallaratese GAL 843 N HOUE T2283081 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Quarto Oggiaro QUA 843 N HOUE T2283087 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Vigentina VIG 843 N HOUE T2283093 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Zara ZAR 843 N HOUE T2283095 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Valvassori Peroni VAL 843 N HOUE T2283091 Su scaffale Prestabile
Deposito Boifava DEPL 38780 T2283096 Su scaffale Prestabile
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Migliore di altri libri dello stesso autore, mi è piaciuto

Houellebecq è un autore che si legge a prescindere, ma se finora non vi piaceva questo libro non vi farà cambiare idea. Torna a livelli decisamente migliori rispetto a Sottomissione. Manca forse l’effetto sorpresa, più o meno si sa già dove vuole andare a parare, ma i passaggi da ricordare sono parecchi. All’interno ha alcuni tra i momenti più cupi di sempre.
Il protagonista è Florent-Claude Labrouste. Fa l’agronomo e detesta il suo nome. È un altro dei suoi personaggi simbolo e alter ego: mezza età, bianco, borghese, incapace di stringere relazioni, senza parenti né amici. Prende un antidepressivo, il Captorix, che come effetto secondario causa impotenza.
Ci sono un paio di linee narrative: nella prima Labrouste ci racconta delle donne con cui è stato e con cui ha fatto sesso. In particolare Kate, Claire e Camille, il suo più grande amore. Sembra un po’ una resa dei conti. Nella seconda ritrova Aymeric, suo vecchio amico dai tempi dell’Università. È qui che si manifestano i segni di un’apocalisse, personale e sociale, in cui gli eventi precipitano.
Bulimia sessuale e misoginia ci stanno sempre? Sì, ci stanno. Anche se da un lato Houellebecq è più pacato, dall’altro è tutto ancorato alla memoria più che al presente, visti anche i problemini di cui sopra. Ci sono momenti in cui, in un panorama aridissimo e piacevolmente deprimente, Houellebecq inserisce considerazioni sul sesso che fanno sorridere per quanto sono decontestualizzate, fuorvianti, perfette.
È un romanzo che mette insieme, come al solito, parecchie cose: insoddisfazione, declino della società occidentale, globalizzazione. Suicidi, pedofilia, gang bang con animali. Depressione, psicofarmaci, impotenza. Solitudine. E il fatto che una parte sostanziale del libro sia ambientata tra il 25 e il 31 dicembre non fa che amplificarne il senso di vuoto, di impossibilità di trovare un via d’uscita.
Può anche essere visto come un romanzo d’amore, che alla fine Camille pare Laura o Beatrice per come ne è infatuato il nostro Florent-Claude. Però ok, non prendete l’accostamento troppo alla lettera.
Abrasivo. [78/100]

Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.