Una mamma lo sa
2 1
Materiale linguistico moderno

Santarelli, Elena

Una mamma lo sa

Titolo e contributi: Una mamma lo sa / Elena Santarelli

Pubblicazione: Milano : Piemme, 2019

Descrizione fisica: 175 p. ; 23 cm

ISBN: 9788856673388

EAN: 9788856673388

Data:2019

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Nota:
  • Testo raccolto da Gabriele Parpiglia
  • Sulla cop.: La nostra storia ha visto la luce... in fondo al tunnel

Nomi: (Autore)

Soggetti:

Classi: 362.1989200092 PROBLEMI E SERVIZI. ASSISTENZA A MALATI pediatrici. Persone (22)

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2019
Testi (105)
  • Genere: testo non letterario

Sono presenti 5 copie, di cui 0 in prestito.

Biblioteca Collocazione Barcode Stato Prestabilità Rientra
Biblioteca Oglio OGL 362.198 SANT T2379092 Su scaffale Prestabile
Bibliobus BUS 362.198 SANT Deposito T2368771 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Cassina Anna CAS 362.198 SANT T2480633 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Dergano Bovisa DER 362.198 SANT T2371178 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Quarto Oggiaro QUA 362.198 SANT T2378281 Su scaffale Prestabile
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Premetto che questa recensione sarà molto impopolare perchè a me questo libro non è piaciuto per nulla. Premetto anche che a me la Santarelli non è mai piaciuta. Forse, e dico forse, il mio errore è stato quello di leggerlo il giorno dopo aver letto quello della Toffa, che è un libro che ti lascia tantissima energia. Questo invece te la toglie tutta.
Troppo dolore, troppi pianti che, moltiplicati per 170 pagine alla lunga ti levano il fiato. Non c'è la benchè minima traccia di una reazione, di quella molla che ti fa in qualche modo reagire. Mi è arrivata tanta negatività, e poca speranza. Inoltre ci sono alcune frasi del libro che mi hanno lasciata perplessa. Pag. 100 " le mie amiche che lavorano in altre città possono usufruire della legge 104, che noi artisti non abbiamo". Sicuramente le sue amiche, come noi tutti non abbiamo il suo stesso tenore di vita. Forse la gente comune nemmeno può permettersi di pensare di portare il figlio a Londra per farlo visitare oppure operare. E' vero che poi nelle pagine successive in qualche maniera cerca di raddrizzare il tiro, però scusatemi, ma questa sua riflessione ho proprio fatto fatica a digerirla. Nel libro poi scrive che ci sono genitori che dormono in macchina, perchè venendo da altre città non hanno la possibilità di un albergo. Questo dovrebbe farla riflettere su quanto sia fortunata lei.
"Ci avete mai pensato? Se una moglie perde un marito viene chiamata vedova, se un figlio perde un genitore viene chiamato orfano, ma che nome si da a un genitore che perde un figlio?" Amputato! Si trova in internet. Una frase simile si trova in rete! Almeno metterla tra le virgolette e non scopiazzarla così!
Unica consolazione è che l'intero ricavato del libro andrà al progetto Heal.

Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.