Irriducibile
1 1
Materiale linguistico moderno

Faggin, Federico

Irriducibile

Abstract: Federico Faggin è il padre del microprocessore e di altre invenzioni che hanno rivoluzionato la tecnologia e il mondo in cui viviamo. Con questo libro stravolge ancora una volta il nostro modo di vedere i computer, la vita e noi stessi. Dopo anni di studi e ricerche avanzate ha concluso che c'è qualcosa di irriducibile nell'essere umano, qualcosa per cui nessuna macchina potrà mai sostituirci completamente. Per anni ho inutilmente cercato di capire come la coscienza potesse sorgere da segnali elettrici o biochimici, e ho constatato che, invariabilmente, i segnali elettrici possono solo produrre altri segnali elettrici o altre conseguenze fisiche come forza o movimento, ma mai sensazioni e sentimenti, che sono qualitativamente diversi... È la coscienza che capisce la situazione e che fa la differenza tra un robot e un essere umano... In una macchina non c'è nessuna 'pausa di riflessione' tra i simboli e l'azione, perché il significato dei simboli, il dubbio, e il libero arbitrio esistono solo nella coscienza di un sé, ma non in un meccanismo. Il pioniere della rivoluzione informatica arriva così a mettere radicalmente in discussione la teoria che ci descrive come macchine biologiche analoghe ai computer e che tralascia di considerare tutti quegli aspetti che non rispettano i paradigmi meccanicisti e riduzionisti: Se ci lasciamo convincere da chi ci dice che siamo soltanto il nostro corpo mortale, finiremo col pensare che tutto ciò che esiste abbia origine solo nel mondo fisico. Che senso avrebbero il sapore del vino, il profumo di una rosa e il colore arancione?. Finiremmo col pensare che i computer, e chi li governa, valgano più di noi. Irriducibile è un saggio capace di tenere assieme rigore scientifico, visionarietà tecnologica e afflato spirituale, che suggerisce una irrinunciabile e inedita fisica del mondo interiore. Cristallino nelle sue parti divulgative (meccanica quantistica, coscienza, teoria dell'informazione...), illuminante nelle nuove connessioni che propone e, infine, esaltante nell'idea che promuove di come essere davvero, profondamente, umani.


Titolo e contributi: Irriducibile : la coscienza, la vita, i computer e la nostra natura / Federico Faggin

Pubblicazione: Milano : Mondadori, 2022

Descrizione fisica: 296 p. ; 23 cm

ISBN: 9788804739036

EAN: 9788804739036

Data:2022

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Opera:
Serie: Gaia

Nomi: (Autore)

Soggetti:

Classi: 501 SCIENZE PURE. FILOSOFIA E TEORIA (21)

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2022
Testi (105)
  • Genere: testo non letterario

Sono presenti 9 copie, di cui 5 in prestito.

Biblioteca Collocazione Barcode Stato Prestabilità Rientra
Biblioteca Harar HAR 501 FAGG T2688754 In prestito 15/07/2024
Biblioteca Sicilia SIC 501 FAGG T2703687 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Zara ZAR 501 FAGG T2650906 In prestito 08/07/2024
Biblioteca Quarto Oggiaro QUA 501 FAGG T2733270 In prestito
Biblioteca Crescenzago CRE 501 FAGG T2687299 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Sormani SOR 501 TE FAGG T2677054 In prestito
Biblioteca Villapizzone VIL 501 FAGG T2687300 In prestito 05/07/2024
Biblioteca Dergano Bovisa DER 501 FAGG T2719227 In prestito
Biblioteca Vigentina VIG 501 FAGG T2686790 Su scaffale Prestabile
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Ciarpame pseudoscientifico. Suscita un insieme di rabbia e tristezza constatare come una mente brillante che ha dato lustro al genio italico nella scienza applicata, sviluppando tecnologie all'epoca all'avanguardia, si sia ridotta a buttare 20 anni di carriera inseguendo teorie strampalate e a tratti farneticanti, che di scientifico hanno poco o nulla.
Il libro è pieno di affermazioni tanto perentorie ed eclatanti quanto indimostrabili e non falsificabili, sulla coscienza, la vita e il libero arbitrio, tra il filosofico e il mistico tendente al teologico, spacciate per assiomi e verità scientifiche. Il tutto condendo la discussione con improbabili analogie e richiami alle leggi della fisica quantistica, che appaiono tuttavia totalmente fuori contesto.
Sia chiaro, avere un proprio credo filosofico e/o religioso è pienamente legittimo e va rispettato, ma, poiché un uomo di scienza dovrebbe conoscere bene il confine tra questa e la speculazione filosofica, fra fisica e metafisica, questa intenzionale ambiguità, che a tratti appare ingenua e a tratti in malafede, non è assolutamente perdonabile ad una personalità che vanta quella storia e quell'esperienza sul campo.
Sconsiglio la lettura di questo libro a chiunque abbia l'aspettativa di trovarci risposte scientificamente plausibili a grandi interrogativi sulla natura umana.

Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.