Trilogia sporca dell'Avana
3 1
Materiale linguistico moderno

Gutiérrez, Pedro Juan

Trilogia sporca dell'Avana

Abstract: Il protagonista, Pedro Juan, attraversa gli anni della storia recente di Cuba, gli anni Novanta, quelli della sua crisi peggiore, che si incrocia e si fonde con la personale crisi dell'autore: il suo licenziamento da giornalista, il fallimento matrimoniale, la solitudine, la caduta rovinosa nella miseria e nella marginalità. Questa prospettiva più ampia illumina in modo nuovo le disavventure picaresche di Pedro Juan, le sue leggendarie gesta erotiche, la sua perenne caccia al rum, alla marijuana, a qualsiasi cosa permetta di sopravvivere e di provare piacere nel contesto della miseria di un paese povero. In una Cuba fatta di carne, suoni e odori, terra d'umanità precaria, è la fisicità dei corpi e il sudore degli amplessi a scandire il tempo di un romanzo in cui le maratone di sesso lasciano ben presto il posto a brucianti riflessioni sulla vita, l'arte e la condizione umana.


Titolo e contributi: Trilogia sporca dell'Avana / Pedro Juan Gutiérrez

Pubblicazione: Roma : E/O, 2006

Descrizione fisica: 501 p. : 18 cm

Serie: Tascabili E/O ; 179

ISBN: 978-88-7641-726-9

Data:2006

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Serie: Tascabili E/O ; 179
Nota:
  • Contiene: Ancorato alla terra di nessuno; Senza niente da fare; Sapore di me
  • In cop. : Edizione completa.

Nomi: (Autore)

Classi: Narrativa (0) 863.64 Narrativa spagnola. 1945- (21) 897 LETTERATURE INDIGENE DELL'AMERICA SETTENTRIONALE (11)

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2006
  • Target: adulti, generale
Testi (105)
  • Genere: fiction

Sono presenti 3 copie, di cui 0 in prestito.

Biblioteca Collocazione Barcode Stato Prestabilità Rientra
Biblioteca Gallaratese GAL 897 N GUTI
(Ristampa: 2010)
T2299159 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Quarto Oggiaro QUA 897 N GUTI TG291348 Su scaffale Prestabile
Deposito Boifava DEP.29248 TG217918 Su scaffale Prestabile
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Sopravvivere in quel di Cuba

Se non si ha un cazzo da fare, la vita risulta meno complicata di quel che sembra. O forse si sceglie di non fare un cazzo per non complicarsi la vita.

Pedro Juan sbarca il lunario con espedienti alla giornata per arrivare a sera e poi ricominciare tutto daccapo. Nel mezzo, un po' di poesia/bevute/sesso/discorsi/riflessioni/situazioni occasionali, il tutto affrontato con la nonchalance di un uomo che non ha nulla da dimostrare, né tantomeno gli interessa.

Giudizio limitato a 'Senza un cazzo da fare', primo della trilogia.

Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.