Torto marcio
5 2
Materiale linguistico moderno

Robecchi, Alessandro <1960- >

Torto marcio

Abstract: È qualcosa che viene dal passato... Ma c'è un problema: nel passato recente non si trova niente, quello remoto è troppo remoto per scavare. Milano, quasi centro, eppure periferia, «più di seimila appartamenti, famiglie, inquilini legali barricati in casa, abusivi, occupanti regolari, occupanti selvaggi», vecchi poveri, giovani poveri, italiani poveri, immigrati poveri, criminali poveri. Uno di quei posti incredibili, eppure reali, ormai senza rappresentanza politica, dove i piccoli stratagemmi di un welfare fai-da-te sono questione di sopravvivenza. Posti di cui l'informazione parla solo quando si tratta di sicurezza, o razzismo. A pochi chilometri da lì, in una via socialmente distante anni luce, un sessantenne imprenditore molto ricco e dalla vita irreprensibile viene freddato con due colpi di pistola. Una vecchia pistola. E sul corpo, un sasso. Ma «il morto non era uno che di solito muore così». E non sarà l'unica vittima. Per fronteggiare «il ritorno del terrorismo», il ministero manda un drappello di esperti burocrati. Ma la vera squadra d'indagine è clandestina, creata per lavorare sotto traccia e lontano dal clamore mediatico: sono Ghezzi e Carella due poliziotti diversissimi tra di loro, ma entrambi fedeli più alla verità che all'immagine o alle convenienze. E non sono i soli a indagare su un caso in cui, dall'affascinante vedova agli intrecci d'affari, dalla legge alla giustizia, nulla è ciò che sembra. Carlo Monterossi, l'autore di un affermato programma tivù spazzatura, inciampa per avventura nel «caso dei sassi» mentre si trova a dover recuperare, insieme all'amico detective Oscar Falcone, un preziosissimo anello rubato. Tre storie destinate a incontrarsi in un intreccio dall'ordito perfetto, che resta fino alla fine coperto dal mistero.


Titolo e contributi: Torto marcio / Alessandro Robecchi

Pubblicazione: Palermo : Sellerio, 2017

Descrizione fisica: 421 p. ; 17 cm

Serie: La memoria ; 1051

ISBN: 978-88-389-3607-4

Data:2017

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Serie: La memoria ; 1051

Nomi: (Autore)

Classi: Gialli (0) 853.92 NARRATIVA ITALIANA, 2000- (20)

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2017
  • Target: adulti, generale
Testi (105)
  • Genere: fiction

Sono presenti 20 copie, di cui 8 in prestito.

Biblioteca Collocazione Barcode Stato Prestabilità Rientra
Biblioteca Sormani SOR 853.92 DPG ROBE 5002124 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Sicilia SIC 853.92 G ROBE TD958475 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Tibaldi TIB 853.92 G ROBE T2341443 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Venezia VEN 853.914 G ROBE TG105692 In prestito 26/02/2024
Biblioteca Lorenteggio LOR 853.92 G ROBE Giallo Milano TG200758 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Baggio BAG 853.92 G ROBE 976361 In prestito 16/03/2024
Biblioteca Chiesa Rossa CHI 853.92 G ROBE T2687720 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Oglio OGL 853.92 G ROBE Giallo Milano 1590453 In prestito 02/03/2024
Biblioteca Affori 853.92 G ROBE T2083950 In prestito 09/03/2024
Biblioteca Accursio ACC 853.92 G ROBE Giallo Milano T2258207 In prestito 23/03/2024
Biblioteca Cassina Anna CAS 853.92 G ROBE Giallo Milano 1593025 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Crescenzago CRE 853.92 G ROBE 1590450 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Niguarda NIG 853.914 G ROBE 969008 In prestito 21/03/2024
Biblioteca Quarto Oggiaro QUA 853.92 G ROBE T2355283 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Sant'Ambrogio SAN 853.92 G ROBE Giallo Milano T2202285 In prestito 14/03/2024
Biblioteca Vigentina VIG 853.92 G ROBE Giallo Milano 1584928 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Vigentina VIG 853.92 G ROBE Giallo Milano 969248 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Valvassori Peroni VAL 853.92 G ROBE T2170441 In prestito 02/03/2024
Deposito Boifava DEPL 37464 975704 Su scaffale Prestabile
Deposito Boifava DEPL 40488 T2340622 Su scaffale Prestabile
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

La serie con protagonista Carlo Monterossi è partita a razzo con "Questa non è una canzone d'amore", davvero eccezionale secondo me, per trama, intreccio e personaggi, ma i volumi seguenti non sono stati dello stesso livello. Questo qui, poi, accantona di nuovo Monterossi, che rimane sullo sfondo, incentrandosi sulle figure dei poliziotti, che pure fanno parte dello stesso mondo immaginario. Il risultato è un sapore più amaro, anche veritiero, ma più sociologico che da giallo di umore ironico, che era il marchio originale.

Proseguendo con la serie dedicata a Carlo Monterossi, sarà forse che mi sono affezionata, vedo migliorare la qualità. Quindi continuo a consigliarne la lettura, se tollerate il senso di amarezza lasciato da alcune delle vicende narrate.
Inoltre, ribadisco: partite dal primo (Questa non è una canzone d'amore), seppure non sia il migliore, per capire meglio personaggi e dinamiche.

Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.