Maruzza Musumeci
4 1
Materiale linguistico moderno

Camilleri, Andrea <1925-2019>

Maruzza Musumeci

Abstract: La storia comincia a Vigàta nel gennaio del 1890. Gnazio ritorna dall'America dopo 25 anni di assenza. Ci era andato a lavorare giovane perché in paese era rimasto solo. Sapeva solo arrimunnari gli alberi, ma alla perfezione tanto da essere assunto a New York come giardiniere. Poi, una brutta caduta da un pino, i soldi dell'assicurazione e il ritorno a Vigàta con un piccolo gruzzolo, sufficiente a comprare un pezzo di terra. Se ne era innamorato subito Gnazio, perché al centro di quella terra, stretta tra ciclo e mare, troneggiava un ulivo secolare, la gente diceva che aveva più di mille anni. La terra era rinata con le sue amorevoli cure, rivoltata e bagnata, popolata di animali, abbellita da una costruzione tirata su pietra su pietra e ora a 45 anni Gnazio era desideroso di farsi una famiglia. È l'esperta di erbe e guarigioni, la vecchia Fina, a trovargli una moglie, Maruzza Musumeci, bella come il sole. Chi sa perché quella ragazza non aveva mai trovato marito. Forse per certe sue stramberie? Le nozze, poi i figli. La famiglia di Gnazio e Maruzza cresce, prima nasce Cola, poi Resina, dalla voce ammaliante, poi Calorio e Ciccina, e cresce anche la casa... Una favola in cui si intrecciano mito e storia, ma anche arte, architettura, astrologia. Una fantasia sconfinata imbrigliata nel racconto di una vita vissuta intensamente.


Titolo e contributi: Maruzza Musumeci / Andrea Camilleri

Pubblicazione: Palermo : Sellerio, 2007

Descrizione fisica: 151 p. ; 17 cm.

Serie: La memoria ; 727

ISBN: 978-88-389-2248-0

Data:2007

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.), Italiano (lingua dell'opera originale)

Paese: Italia

Serie: La memoria ; 727

Nomi: (Autore)

Classi: Narrativa (0) 853.914 NARRATIVA ITALIANA, 1945-1999 (23)

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2007
  • Target: adulti, generale
Testi (105)
  • Genere: fiction

Sono presenti 13 copie, di cui 0 in prestito.

Biblioteca Collocazione Barcode Stato Prestabilità Rientra
Biblioteca Tibaldi TIB 853.914 N CAMI 762631 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Lorenteggio LOR 853.914 N CAMI 762595 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Fra Cristoforo FRA.D.853.914-N.CAMI.20. 762628 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Chiesa Rossa CHI.D.853.914-N.CAMI.19. 762607 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Oglio OGL.D.853.914-N.CAMI.20. 762627 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Affori AFF 853.914 N CAMI 762598 Su scaffale Prestabile
Bibliobus BUS.D.853-N.CAMI.34. deposito BUS5031 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Cassina Anna CAS.D.853.914-N.CAMI.20. 762624 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Crescenzago CRE.D.853.914-N.CAMI.20. 762632 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Dergano Bovisa DER 853.914 N CAMI 762592 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Gallaratese GAL.D.853.914-N.CAMI.19. 762591 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Harar HAR 853.914 N CAMI 762603 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Quarto Oggiaro QUA QUA.D.853.914-N.CAMI.19. 762599 Su scaffale Prestabile
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Del naufragar e delle Sirene

Una favola in dialetto siciliano che, liberatasi della ragione, veleggia per odissee.
Mitologia e rimandi al greco antico travolgono Gnazio, uomo semplice e onesto, la cui vita viene innalzata dalle Sirene e dal loro canto.

Bisogna «chiudere gli occhi “pi vidiri le cose fatate”, quelle che normalmente, con gli occhi aperti, non è possibile vedere.

Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.