BIBLIOTECA VENEZIA

Vedi tutti i suoi post
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

La donna della domenica - Fruttero & Lucentini

Il martedì di giugno in cui fu assassinato, l'architetto Garrone guardò l'ora molte volte.

L’incipit non lascia speranze sulla sorte dell’architetto ed è l’inizio di una matassa da sbrogliare per chi segue le indagini. Sei giorni, dal martedì citato alla domenica del titolo, nei quali il commissario Santamaria si muove nel caldo appiccicoso di una Torino topograficamente dettagliata. Dovrà immergersi negli ambienti della ricca borghesia, poi tra le chincaglierie del mercato delle pulci, dove l’umanità si mischia, e infine nella burocrazia oscura degli enti pubblici. Il tentativo è di far luce nel groviglio di industriali, studiosi, avvocati, funzionari e vecchie contesse che hanno incrociato il Garrone nei suoi ultimi giorni di vita.
Nel percorso ci sono indizi sparsi (una lettera, una stella marina, una Fiat 124 sospetta, un biglietto del tram…), alcuni utili, alcuni che portano fuori strada. Alibi impossibili da confermare, ipocrisie, malizie. Storie sentimentali in procinto di iniziare, altre che stanno per finire. Fino a far emergere il cuore sulfureo della città.
La donna della domenica è uno spaccato di società, un mix ben calibrato di giallo e costume. Due cose, almeno, rendono questo libro fresco e luminoso: l’ottima galleria di personaggi, la cui psicologia è ben tratteggiata, e il ritmo narrativo garantito dalle frequenti transizioni di prospettiva. Senza dimenticare l’ironia, a tratti esilarante, che pervade ogni pagina.
Forse nel mezzo c’è qualche siparietto di troppo e le dinamiche sono un po’ sbilanciate verso i dialoghi e gli ambienti, a discapito dell’azione (rispetto ai parametri del genere). È però un dettaglio che toglie poco a un libro ricco di atmosfere, dove la fatidica scoperta dell’assassino è solo una piccola parte rispetto a un tutto molto più ampio e avvolgente.
Pochi anni dopo, Luigi Comencini ne trasse un film apprezzabile - adattato da Age & Scarpelli - con Marcello Mastroianni e Jacqueline Bisset.
Un libro che ha ormai la statura del classico, senza essere di maniera; tra le pieghe anche molto contemporaneo.

Canada - Richard Ford

Vista la caratura dell’autore, un po’ al di sotto le aspettative.
La prima parte, che già denota una tendenza iper-descrittiva, racchiude i momenti migliori: l’incipit magnetico; la presentazione di Bev e Neeva, genitori di Dell e due personaggi agli antipodi; l’arrivo di Topo Williams che rompe qualsiasi parvenza di equilibrio; la rapina rocambolesca.
La seconda è decisamente troppo diluita per quello che vi accade, avanza pochi fotogrammi alla volta, lascia sul campo qualche sbadiglio.
La terza è funzionale ma frettolosa; dà poca soddisfazione, per trama e per narrazione.
Tra gli infiniti riferimenti possibili mi ha fatto pensare, del tutto a caso, a un paio di libri: "Dio di illusioni", per come nella prima pagina si racconti già il fatto spartiacque, annullando l’effetto sorpresa; e a "Il senso di una fine", per il narratore anziano che racconta in prima persona qualcosa accadutogli decenni prima, a cui aggiunge qualche pensiero col senno di poi.
Entrambi preferibili.

L'antica nave - Zhang Wei

Il romanzo si inquadra nel momento storico in cui, alla morte di Mao Tse-Tung, vengono avviate in Cina le riforme per la modernizzazione del Paese, tentando di ricollegare la storia recente con una grandezza ormai andata perduta. Ciò attraverso la narrazione dei rapporti fra tre generazioni delle principali famiglie della cittadina di Wali attraverso quattro decenni di storia.
Narrazione molto densa, linguaggio un po' prolisso, lettura poco scorrevole...quasi più vicino ad un saggio che ad un racconto.

Finché morte non sopraggiunga - Amos Oz

Mille anni di distanza tra le storie di questi due romanzi brevi, lontane nel tempo ma unite nel narrare la tragedia della terra d'Israele, con la prosa magistrale di Amos Oz. Il punto in comune è la ricerca di dare un senso da un lato alla vita, dall'altro alla morte. Si respira angoscia ma con un barlume di speranza.

Vedi tutti

Ultimi post inseriti nel Forum

Nessun post ancora inserito nel Forum

I miei scaffali

Le mie ricerche salvate

Non vi sono ricerche pubbliche salvate