Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

R: Finché morte non sopraggiunga - Amos Oz

Chissà cosa avrà motivato un trentenne Oz a tirare fuori chissà da dove questo Shraga, dal fisico disfatto, ossessionato da un ipotetico complotto bolscevico atto a sterminare il popolo ebraico, che goffamente tenta di recuperare un
vecchio amore, per poi affidarsi a una composta rassegnazione!?
E che dire del nobile de Touron che nel 1095
parte con piccola truppa incerottata per le terre sante da Avignone, e per imbarcarsi, invece di andare verso il mare, che è a sud, va a S. Etienne, esattamente a nord e poi nel cuore della Svizzera, a Grenoble?! Dopo aver trucidato qualche ipotetico ebreo per estirpare l'origine del male, causa di carestie e malanimo, scopre che questo male è dentro di lui e si trafigge con la spada.
Concordo con Claudio che siamo in presenza di soggetti paranoici, le cui vicende strampalate travalicano la verosimiglianza. E allora qui bisogna trovare una diversa chiave di lettura, ma quale?
La scrittura e la traduzione sono davvero eccelenti, ma non basta una stoffa di ottima qualità perché un sarto confezioni un abito decente.
Questii racconti, usciti in Italia in occasione della morte di Oz, non gli rendono giustizia.

Vedi tutti

Ultimi post inseriti nel Forum

Nessun post ancora inserito nel Forum

I miei scaffali

Le mie ricerche salvate

Non vi sono ricerche pubbliche salvate